BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma, novità, problemi ed errori crescono. Ecco solo gli ultimi.

I casi sociali creati dall’entrata in vigore della riforma pensioni Fornero e le ingiustizie del sistema previdenziale che vanno sanate




Quota 96 della scuola, esodati, ma anche revocati e usuranti bloccati: tanti i problemi e i casi sociali creatisi dopo l’entrata in vigore della riforma pensioni Fornero, che nella sua formulazione ha compiuto diversi errori, non considerando le particolarità che regolavano determinati comparti, tra cui, per esempio, quello della scuola. Ed ecco nascere i Quota 96 della scuola, 4mila lavoratori, tra personale Ata e docenti, bloccati nel loro cammino verso la pensioni dalle norme Fornero, che hanno considerato che il termine dell’anno scolastico non coincide con il termine dell’anno solare.

La riforma Fornero ha dato vita poi ad un esercito di cosiddetti esodati, lavoratori che hanno deciso di lasciare il lavoro, sulla base di accordi aziendali, in cambio di un incentivo economico nell’attesa di maturare la pensione, che si è però allontanata sempre più con l’aumento dell’età pensionabile stabilita dalla legge Fornero.

E ci sono oggi anche i 2.500 revocati dipendenti della P.A. che hanno maturato la pensione e avevano richiesto il trattenimento in servizio, revocato a fine luglio; e i lavoratori usuranti che, per disponibilità di risorse, potrebbero andare in pensione ma che per effetto della legge Fornero, non possono lasciare il lavoro.

Si lavora da mesi ormai per cercare di trovare una soluzione strutturale per gli esodati, al posto delle misure tampone di volta in volta messe in campo, si lavora per trovare le risorse finanziarie necessarie per il pensionamento dei 4mila lavoratori della scuola, e nel frattempo, come spiegato dal premier Renzi, si lavora anche per cambiare sistemi che hanno creato ingiustizie nel mondo pensionistico, con la revisione delle baby pensioni, delle pensioni integrative, nonché di quelle di invalidità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il