BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne Governo Renzi: riforma, novità discussioni leggi ufficiali in Parlamento. Come davvero procedono

Procedono le discussioni di modifica della riforma pensioni e si spera in interventi nella prossima Legge di Stabilità: quali potrebbero essere?




Dopo le riforme annunciate, si attendono novità pensioni probabilmente nella prossima Legge di Stabilità e incalza la discussione su quelli che potrebbero essere gli interventi previsti. Non solo piani che permettano un’uscita anticipata e flessibile ma anche revisioni più profonde che modifichino il funzionamento del sistema previdenziale, oggi fortemente viziato da molte ingiustizie che emergono ogni giorno di più. E’ vero che con i meccanismi di uscita anticipata, avanzati, tra gli altri, dal ministro Poletti, da Cesare Damiano, e ribaditi dal sottosegretario Baretta, si darebbe al lavoratore l’opportunità di andare in pensione prima a fronte di penalizzazioni e liberando posti di lavoro per quella staffetta generazionale tanto auspicata; ma è anche vero che l’uscita anticipata e flessibile non basterebbe a rimettere in piedi i conti.

Il Fondo Monetario Internazionale chiede al governo Renzi di intervenire sulle pensioni, e con urgenza, perché altrimenti i conti non quadrerebbero mai, visto che sono risultate le più costose d’Europa. E Renzi risponde con ipotesi già allo studio dei suoi consiglieri economici e che prevedono una revisione profonda delle pensioni, revisioni che dovrebbero risolvere molte ingiustizie esistenti oggi.

E l’obiettivo è lavorare sulla revisione, per esempio, delle pensioni integrative, delle baby pensioni, delle pensioni di invalidità. E queste novità potrebbero arrivare insieme alla flessibilità auspicata, richiesta anche dal commissario Inps Conti, che si sta rendendo sempre più necessaria.

Spazio allora a prestito pensionistico, estensione dell’opzione contributivo per uomini e donne, uscita anticipata a 62 anni e con 35 anni di contributi ma non senza penalizzazioni, mentre si continua a discutere anche di soluzioni ad hoc per gli over 50 che restano senza lavoro e difficili da reimpiegare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il