BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia riforma Governo Renzi: novità, i partiti concordano tutti per interventi, ma non si fa nulla.

Non solo referendum di abrogazione legge Fornero: le forze politiche chiedono interventi unanimi per modificare la riforma pensioni attuale




Si punta a cambiare la riforma pensioni, si parla di sistemi di uscita anticipata che siano sostenibili da un punto di vista economico, si parla di possibile taglio tasse o aumento degli assegni pensionistici più bassi, solo qualche giorno fa anche il Fondo Monetario Internazionale ha invitato il governo italiano ad intervenire sulle pensioni che sono “le più costose d’Europa”. I pareri sembrano essere unanimi, la maggiore flessibilità in uscita mette tutti d’accordo, eppure ancora non si parla di interventi concreti che possano modificare il sistema previdenziale.

Tutto è ancora molto vago e confuso, si annunciano, in realtà, interventi poi smentiti e si parla solo di ‘idee’, come fatto, per esempio dal ministro del Lavoro Poletti qualche tempo fa, quando ha precisato che ogni ipotesi di cambiamento delle pensioni da molti paventato nella prossima Legge di Stabilità non era “un intervento ma un’idea”. In realtà, in questi giorni si è tornati a parlare di probabili interventi pensioni proprio nella Legge di Stabilità di ottobre, forse, però, interventi che non riguardano solo l’uscita anticipata.

Interventi che comunque sono appoggiati da quasi tutti. Il segretario nazionale di Italia dei Valori, Ignazio Messina, ritiene che la riforma pensioni  Fornero “varata non ha centrato l’obiettivo di creare più occupazione perché siamo in recessione e non basta la riforma del lavoro per far crescere l’economia. Noi che l’abbiamo contrastata da subito, oggi proponiamo un nuovo piano per l’occupazione. E chiediamo l’introduzione dell’accesso volontario e flessibile alla pensione, in modo da ripristinare il ricambio generazionale nelle aziende pubbliche e private, l’introduzione di una copertura previdenziale figurativa per i giovani per assicurare loro una pensione pari almeno al 60% della media delle retribuzioni percepite negli ultimi 5 anni di lavoro e l’istituzione di un assegno di maternità universale, così come accade nella quasi generalità dei paesi europei”.

Anche Giovanni Nucera di Sel chiede l’abrogazione della riforma pensioni Fornero, dicendo “Lanciamo a Nichi Vendola la proposta dell’abrogazione dell’ultima riforma delle pensioni a favore di una maggiore flessibilità per il pensionamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il