BusinessOnline - Il portale per i decision maker








FIFA 15: trucchi per giocare al meglio e vincere.

Ecco alcuni trucchi per dare il meglio nel game play di FIFA 15.




Manca un solo giorno al rilascio del nuovo titolo di Electronic Arts, FIFA 15, attesissimo da tutti gli appassionati di simulatori calcistici, e già la casa produttrice sembra voler dare un assaggio di quello che sarà il prodotto finale, dando alcuni consigli ai giocatori su come fare all’interno del gioco alcune evoluzioni speciali.
L’obiettivo è sicuramente quello di far crescere l’impazienza e le aspettative verso un titolo che comunque è stato anche attaccato dalla critica nel corso di questi ultimi mesi, mostrano al pubblico quello che in realtà è capace di fare FIFA 15 nella sua totalità.

Tutto ciò è stato promosso da EA tramite un video, nel quale il giocatore belga Eden Hazard del Chelsea si diletta con tutta una serie di dinamiche che mostrano ai videogiocatori come si possa fare gol nei modi più fantasiosi possibile, sempre rispecchiando quella che è la realtà e la verosimiglianza col giocatore in carne e ossa.

Altri modi per godersi al meglio FIFA 15 prevedono una certa dose di pratica da parte degli utenti, soprattutto per quel che riguarda il modo di difendersi: sarà infatti possibile mettere la squadra avversaria in strategici fuorigioco, al fine di evitare sicure azioni gol. Stesso discorso per i calci d’angolo, specialmente quelli sul primo palo, che metteranno in seria difficoltà difesa e portieri avversari.

Un po’ di pratica sarà gradita anche per riuscire a rilanciare la palla via quando l’attacco avversario pressa la nostra difesa; invece di dribblare, è sempre meglio fare un bel tiro potente per poter riorganizzare tutto.
Novità riguardante la difesa è quella della “difesa a oltranza”, che permetterà di richiamare i giocatori in modo da farli mettere tutti dentro l’aria di difesa, per scongiurare possibili minacce; discorso simile per “l’attacco totale”, tattica che prevede una certa prepotenza nel cercare il gol.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il