BusinessOnline - Il portale per i decision maker








TFR in busta paga oltre conferma aumento stipendio con bonus 80 euro: i pro e contro. Per chi, quando e come da Governo Renzi

Il 50% del Tfr in busta paga dei lavoratori e confermato aumento degli 80 euro: i piani del governo nella prossima Legge di Stabilità




Metà del Tfr, il 50%, nelle buste paga dei lavoratori e l'altro 50% alle aziende: il governo starebbe lavorando ad un nuovo piano per rilanciare consumi, e di conseguenza economia, attraverso l'aumento degli stipendi mensili dei dipendenti. Secondo quanto riporta il Sole 24 Ore, si tratterebbe di ‘una misura che durerebbe da uno a tre anni massimo’. La novità dovrebbe rientrare nella prossima Legge di Stabilità, che il governo si avvia a varare il prossimo 10 ottobre. Prevista in quell'occasione anche la conferma degli 80 euro in busta paga e della riduzione Irap.

Il progetto del 50% del Tfr liquidato nella busta paga sarebbe, dunque, sperimentale per capire quanto un eventuale aumento dei salari possa davvero incidere sulla ripresa di consumi ed economia. Ma gli aumenti effettivi dipenderanno sostanzialmente dal guadagno iniziale del lavoratore. Il Tfr infatti si ‘forma’ in base a quanto si percepisce di stipendio. Inoltre, bisogna ancora capire se gli aumenti previsti saranno tassati esattamente come gli stipendi o saranno soggetti ad un'aliquota agevolata.

Per fare qualche esempio pratico, se un dipendente che guadagna 15mila euro lordi all'anno, accantona ogni anno 1.100 euro di Tfr, e decidendo di percepire il 50% di questa somma in busta paga, avrebbe un aumento di 550 euro lordi all'anno, che sarebbero circa 45 euro al mese. Se su tale cifra fosse applicato un regime fiscale agevolato del 9-15% l’aumento netto sarebbe di circa 470-500 euro all'anno, circa 40 euro al mese.

Chi, invece, percepisce 45mila euro lordi all’anno e ogni anno accantona 3.300 euro di Tfr, con il 50% di in busta paga avrebbe un aumento di 1.650 euro lordi all'anno, circa 135 euro al mese, che con la tassazione agevolata del 9-15%, si tradurrebbe in un aumento netto di circa 1.400-1500 euro all'anno, circa 120 euro al mese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il