BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi statali, polizia, militari, forze dell'ordine, vigili fuoco, insegnanti 2015 Governo Renzi: novità della settimana

Sbloccati gli stipendi per militari e forze dell’ordine: raggiunto accordo e i sindacati attendono comunicazioni ufficiali




Il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, aveva annunciato il blocco di contratti stipendi per i dipendenti pubblici per il 2015, notizia che ha scatenato malcontenti e polemiche, tanto che è arrivato il dietrofront sullo blocco stipendi per militari e forze dell'ordine, e il ministro si è detta disposta a rivedere gli scatti di anzianità nei settori in cui sono previsti e tutto però dipenderà dalle risorse finanziari disponibili.

E’ stato, dunque, l’accordo politico sullo sblocco degli stipendi per i militari e nonostante l’incontro con il premier Renzi sia stato posticipato per suo viaggio in Usa, sono continuati i contatti tra governo e sindacati. Il ministri degli Interni, Angelino Alfano, ha detto: “È stata confermata la decisione di risolvere la questione. Il lavoro per reperire le risorse è positivamente avviato”.

E i sindacati, intanto, attendono ancora comunicazioni ufficiali. E per gli stipendi dei dipendenti statali in arrivo anche un’altra novità: la possibilità di ricevere di metà del Tfr, il 50%, in busta paga, mentre l'altro 50% resterebbe alle aziende. Si tratterebbe del nuovo piano del governo per rilanciare consumi, con l'aumento degli stipendi mensili dei dipendenti. La novità, in via sperimentale, dovrebbe rientrare nella prossima Legge di Stabilità, che il governo si avvia a varare il prossimo 10 ottobre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il