BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Milano: calcolo, esenzioni, regole, casi particolare tutti gli immobili. Chi deve pagare, come e quando

Cittadini milanesi chiamati a versare l’acconto della nuova Tasi 2014 il prossimo 16 ottobre: come fare, quanto si pagherà e come




Cittadini milanesi chiamati a versare l’acconto della nuova Tasi 2014 il prossimo 16 ottobre: anche il grande comune meneghino rientra tra quelli che hanno deliberato le nuove aliquote di pagamento in questo mese di settembre e che pagano l’acconto ad ottobre e il saldo il prossimo 16 dicembre insieme a coloro che hanno invece pagato la prima rata a giugno. Le delibere pubblicate dall’amministrazione milanese prevedono aliquote deliberate del 2,5 per mille su prime case e dell’11,4 per mille su seconde case e terreni, negozi, uffici, capannoni, terreni.

L’aliquota del 2,5 per mille vale anche per le case coniugali e relative pertinenze a seguito assegnazione giudice, stabilita invece un’aliquota dello 0,8 per mille per gli immobili delle categorie A1, A8, A9, C2, C6, C7 se pertinenziali. Per quanto riguarda gli inquilini, dovranno pagare il 10% dell’imposta. Pagano la tassa solo coloro che hanno contratto di affitto superiori ai sei mesi.

La delibera Tasi prevede anche detrazioni modulate secondo il valore della rendita catastale delle prime case. Entrando più nel dettaglio, è prevista una detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro;  di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro; di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01  a 400 euro, a condizione che il reddito complessivo del soggetto passivo, come determinato ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche non sia superiore a 21 euro; una detrazione di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro, perchè il reddito non superi i 21mila euro; una detrazione di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale da   450,01 a 500 euro, sempre che il reddito non superi i 21mila euro; una detrazione di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale  da 500,01 a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro.

Le detrazioni sopra previste saranno maggiorate con detrazioni di 20 euro per ogni figlio di età inferiore ai ventisei anni, purchè viva abitualmente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale. I cittadini residenti a Milano potranno pagare la Tasi 2014 compilando il Modello F24, usando i seguenti codici tributo: Comune di Milano: F205; e abitazione principale e relative pertinenze: 3958.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il