BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi calcolo e compilazione F24 online automatica prima e seconda casa capannoni, negozi, casa affitto, terreni tutti le città

Si paga il 16 ottobre l’acconto Tasi in oltre 5 mila Comuni: come eseguire calcolo online e compilazione diretta del modello F24




Oltre 5 mila Comuni il prossimo 16 ottobre devono pagare l’acconto Tasi 2014, la nuova tassa sui servizi indivisibili comunali, come manutenzione delle strade, dell’illuminazione pubblico, di parchi e verde pubblico, che ha debuttato quest’anno. I Comuni che non hanno pagato la prima rata a luglio entro il 18 settembre hanno deliberato nuove aliquote e detrazioni di pagamento. La novità della Tasi è che, a differenza dell’Imu, pagano anche gli inquilini. Ma pagano solo una percentuale compresa tra il 10 e il 30% della cifra totale dovuta, ma pagano solo coloro che hanno un contratto d’affitto superiore ai sei mesi. Nel caso di affitti brevi, dunque, come quelli di case per le vacanze, non pagano e il versamento della tassa spetta solo ai proprietari.

A decidere la percentuale di pagamento per gli inquilini sono i singoli Comuni, ma non si tratta di un pagamento obbligatorio. A Npoli, per esempio, gli inquilini non pagano. Per quanto riguarda le aliquote, sulle prime case possono oscillare dal 2,5 per mille al 3,3 per mille con l’aumento massimo dello 0,8 per mille; mentre su seconde case e immobili commerciali, cioè terreni, negozi, uffici, capannoni, aziende può salire dal 10,6 per mille all’11,4 per mille.

La Tasi si calcola come l’Imu, partendo dalla rendita catastale, rivalutandola del 5% e moltiplicando il risultato per il coefficiente dell'immobile. I coefficienti sono di 55 per i negozi, 160 per le case, 80 per uffici e banche e 65 per gli immobili strumentali. Al risultato che si ottiene si applicano le aliquote comunali deliberate. Il calcolo può essere effettuato da Caf e commercialisti o semplicemente usando calcolatori online che permettono, una volta calcolata la tassa da pagare, la compilazione automatica del modello F24 online.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento, si potrà pagare tramite bollettino postale, disponibili in qualsiasi ufficio postale, o con modello F24. Ma bisogna ricordarsi che dal primo ottobre i pagamenti di imposte di mille euro o superiori a tale somma non potranno più essere pagati in banca, ma dovranno essere pagati esclusivamente attraverso un canale telematico, che sia canale di home banking del conto corrente bancario o postale, o uno degli strumenti telematici dell’Agenzia delle Entrrate, come Entratel o Fisconline.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il