BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Taranto, Milano, Viterbo, Verona e tutte altre città: chi deve pagare e calcolo quanto prima e seconda casa, terreni, affitto

Quanto costerà la Tasi 2014 a Taranto, Milano, Verona, Viterbo: le nuove aliquote deliberate, detrazioni e percentuali pagamento per inquilini




Aliquota al 2,5 per mille su prime case e all’11,4 per mille rispettivamente su prime abitazioni che su seconde case, uffici, terreni, negozi, capannoni, terreni a Milano. Previste poi detrazioni crescenti in basse alla rendita catastale, che sono una detrazione di 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro;  di 112 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 350 euro; di 99 euro per le abitazioni con rendita catastale da 350,01 a 400 euro, a condizione che il reddito complessivo del soggetto passivo, come determinato ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche non sia superiore a 21 euro; una detrazione di 87 euro per le abitazioni con rendita catastale da 400,01 a 450 euro, purchè il reddito sia di 21mila euro.

E ancora, prevista una detrazione di 74 euro per le abitazioni con rendita catastale da   450,01 a 500 euro, sempre che il reddito sia di 21mila euro; una detrazione di 61 euro per le abitazioni con rendita catastale  da 500,01 a 550 euro; di 49 euro per le abitazioni con rendita catastale da 550,01 a 600 euro; e di 24 euro per immobili con rendita catastale  tra 600,01 e 700 euro. A tali detrazioni vanno sommate detrazioni di 20 euro per ogni figlio di età inferiore ai ventisei anni, purchè viva abitualmente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale.

Per quanto riguarda gli inquilini, visto che la Tasi a differenza dall'Imu viene pagata sia da proprietari che da inquilini, questi ultimi dovranno pagare il 10% dell’imposta, pagamento che vale, però, solo per coloro che hanno contratto di affitto superiori ai sei mesi.

Fissate le nuove aliquote Tasi 2014 anche a Taranto: sulla prima casa sarà calcolata con aliquota del 2,5 per mille e su tutti gli altri immobili con aliquota all’11,4 per mille; mentre a Verona le aliquote su abitazione principale e su seconde case e immobili commerciali sono state fissate rispettivamente al 2,5 per mille e al 10,6 per mille; a Viterbo invece aliquota allo 0,39% su prime case con detrazioni pari a 200 euro cui aggiungere quelle di 50 euro per i figli minorenni.

Per quanto riguarda le città sopra indicate e tutte gli altri Comuni italiani è possibile fare il calcolo automatico con anche la compilazione dello F24 online per il pagamento con questo servizio totalmente gratuito

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il