BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: riforma, novità in Legge di Stabilità dopo ultimi accadimenti e statistiche

Possibilità di modifiche reali alla riforma pensioni con Legge di Stabilità: quali le soluzioni allo studio e gli interventi probabili




Riduzione della spesa pensionistica, sistemi di uscita anticipata per garantire maggiore flessibilità e cercare di dare nuovo impulso all’occupazione, aumento degli assegni più bassi e possibile introduzione del contributo di solidarietà: si fa sempre più complessa la discussione sulla eventuali modifiche da applicare all’attuale riforma pensioni Fornero che tanti chiedono di cancellare completamente, tanto che sono diversi i referendum abrogativi già lanciati.

Il premier Matteo Renzi, ieri sera ospite a ‘Che tempo che fa’ di Fabio Fazio, ha annunciato che nella Legge di Stabilità ci saranno misure per 20 miliardi di euro, ma senza “un centesimo in più di tasse”. Ma ci si chiede in che misura quei 20 miliardi potrebbero ‘servire’ a coloro che sono stati fortemente penalizzati dalle ultime leggi previdenziali e del welfare, dagli esodati, ai Quota 96, ai pensionati.

Alla luce degli ultimi sviluppi Fmi, Istat e conferme dall’esecutivo stesso, sembra improbabile che nella prossima Legge di Stabilità di possa pensare ad interventi sui requisiti di accesso alla pensione, come piani di uscita anticipata, a meno che non siano, come annunciato, a costo zero. Più probabili interventi volti a ridurre la spesa pensionistica, decisamente troppo alta in Italia, come attestati dagli ultimi numeri. Se si pensasse a meccanismi di uscita anticipata per intervenire sulla riforma pensioni Fornero, dovrebbero essere piani che prevedano comunque penalizzazioni e disincentivi per chi decide di uscire prima, ma è cosa già contemplata in sistemi come uscita a 62 anni e 35 di contributi, prestito pensionistico o sistema contributivo.

Ma si pensa anche ad un contributo di solidarietà sulle pensioni più ricche, che permetterebbe di accumulare nuove risorse, così come ad interventi su pensioni di invalidità reversibilità, pensioni integrative, baby pensioni e ricalcolo delle pensioni retributive, magari una tantum, con sistema contributivo, in modo da rivedere il sistema previdenziale in maniera più equa e giusta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il