BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa Ordinario: nessuna comunicazione Ufficiale e decreto del Miur su prove scritte, sedi e posti. Solo indicazioni regionali

E’ atteso per oggi, martedì 30 settembre, il nuovo decreto del Miur con le novità su prossimo Tfa: cosa riporterà e prova scritta




AGGIORNAMENTO: Nessuna comunicazione ufficiale dal Miur nè tantomeno un decreto per quanto riguarda i TFA Ordinari. Nemmeno una notifica del ritardo o di quando potrebbe avvenire la comunicazione. Rimangono al momento solo le indicazioni regionali. Vi aggiorneremo con tutte le novità e ultime notizie appena arriveranno.

E’ atteso per oggi, martedì 30 settembre, il nuovo decreto del Miur con le novità su posti e Atenei in cui si svolgeranno le prove scritte e orali del nuovo Tffa Ordinario. Il decreto servirà per rendere noti ufficialmente il numero di posti disponibili per le immatricolazioni al secondo ciclo Tfa e per definire i termini e le modalità di integrazione della domanda online che dovrà riportare l’Ateneo in cui il candidato sceglie di svolgere la prova scritta e la prova orale della selezione Tfa.

Il decreto del Miur comunicherà, inoltre, come gli altri due Atenei scelti come alternative, situati in altre Regioni, nei quali poter svolgere il corso se, nonostante si superino le prove non sarà possibile frequentare il II ciclo del Tfa nell'Ateneo di prima scelta. Ricordiamo che solo dopo aver superato la prova scritta si avrà accesso alla prova orale e se si risulta idonei si potranno frequentare i nuovo Tfa i cui corsi inizieranno ad ottobre.

E’ probabile che, così come accaduto per la conferma del test di preselezione, anche per l'accesso alla prova potrebbe essere richiesto un ulteriore contributo di partecipazione. Inoltre, le prove scritte ed orali del nuovo Tfa saranno comuni alle classi di concorso comprese negli ambiti disciplinari verticali 2 (Educazione motoria), 3 (Musica), 4 (Lettere), 5 (Lingue), considerati come un'unica classe di concorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il