BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Cagliari, Roma, Cesena, Messina e tutte altre città: calcolo prima e seconda casa, affitto, terreni. Chi deve pagare e quanto

Quanto costerà la prima rata Tasi 2014 a Cagliari, Roma, Cesena, Messina: deliberate nuove aliquote e calcolo nuova tassa sulla casa




E’ la nuova tassa sulla casa, quella che, in particolare, riguarda i servizi indivisibili comunali, introdotta quest’anno con Imu e Tari sui rifiuti per la nuova Iuc, imposta unica comunale, e si paga in tutte le città. E’ laTasi. Ma se in alcune città i contribuenti hanno già pagato la prima rata di acconto della tassa lo scorso giugno, in oltre 5 mila Comuni si paga il prossimo 16 ottobre. Tra questi Cagliari, Roma, Cesena, Messina. A Roma sulle abitazioni principali l’aliquota è del 2,5 per mille e dell’11,4 per mille su seconde casee immobili commerciali, capannoni, aziende, uffici, negozi.

Aliquota all’1 per mille per le case di lusso, con detrazione di 30 euro rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae la destinazione ad abitazione principale; e all’1 per mille per i fabbricati rurali ad uso strumentale. E’, invece, del 20% la percentuale di pagamento per gli affittuari. Per quanto riguarda le detrazioni, prevista una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro.  

A Cagliari l’aliquota Tasi su prime case e pertinenze è del 3,3 per mille, con detrazioni di 40 euro per figli inferiori ai 26 anni di età che vivono nella prima abitazione e in base alla rendita catastale. Prevista anche una detrazione di 100 per rendite catastali fino a 300 euro: di 93 euro per rendite da 301 a 850 euro; di 93 più 25 però di detrazioni per i figli per rendite da 851 a 11250 euro. Aliquota al massimo del 3,3 per mille anche a Cesena su prime case e fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita; aliquota all’1 per mille per i fabbricati rurali ad uso strumentale e aliquota allo 0 per mille per tutti gli altri immobili. Le detrazioni modulate sul valore dell'Isee ed è prevista un’ulteriore detrazione di 50 euro per ciascun figlio dal terzo figlio in poi di età inferiore a 26 anni che vive nella prima casa.
 
Aliquota del 2,89 per mille a Messina, con detrazioni calcolate in base a rendita catastale e per i figli. Prevista una detrazione di 100 euro per le rendite catastali fino a 300 euro, una detrazione di 50 euro per le rendite da 301 a 400 euro e 20 euro per figli minorenni, figli disabili, minori in affido familiare e ultrasettantenni. Per le rendite da 0 a 200 euro non si pagherà la Tasi e per rendite da 200 a 300 l'importo sarà minimo.

Per quanto riguarda le città sopra indicate e tutte gli altri Comuni italiani è possibile fare il calcolo automatico con anche la compilazione dello F24 online per il pagamento con questo servizio totalmente gratuito

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il