BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amnistia e indulto: la situazione delle carceri reale e l'analisi dei dati ufficiali

Continua ad essere critica l’emergenza carceraria in Italia: nessun cambiamento dopo decreto svuota carceri e si chiedono amnistia e indulto




Continua l’esame dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia e continua a preoccupare in Italia la situazione delle condizioni di vita nelle carceri. Il problema sembra persistere, nonostante le misure del decreto cosiddetto svuota carceri. Susanna Marietti, responsabile dell’Osservatorio sulle carceri e Coordinatrice nazionale associazione Antigone, spiega: “Bisogna riformare il Codice Penale tanto nella parte generale quanto nella parte speciale. Non possiamo pensare di punire tutti i colpevoli e tutti i reati con il carcere”.

Gli ultimi numeri sulle carceri continuano ad essere allarmanti e la Marietti dice: “I dati sono ufficiali e fedeli per quanto riguarda le presenze, mentre c’è un po’ più di polemica tra noi di Antigone e il Ministero della Giustizia sulle capienze. Grazie al nostro osservatorio sulle carceri, ci siamo resi conto di come tantissime sezioni delle carceri erano chiuse perché mancavano i soldi per la manutenzione. Circa diecimila posti calcolati dal Dap erano inesistenti e quindi il sovraffollamento era molto più alto rispetto i dati ufficiali”.

Ed è proprio considerano la situazione di emergenza carceraria che continua a persistere che molti chiedono amnistia e indulto come unica soluzione che nel breve termine è in grado di tamponare questa criticità. Intanto, il sindaco di Padova Bitonci ha chiesto al ministro della Giustizia Orlando di bloccare il risarcimento compensativo a favore di un detenuto straniero deciso dal giudice di sorveglianza di Padova per le condizioni di sovraffollamento carcerario: “Il ministro spieghi perché i veneti devono pagare con le proprie tasse la buonuscita di un criminale, mentre le giovani vittime delle sue azioni porteranno per tutta le vita il peso delle violenze subite, senza ricevere neanche un euro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il