BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne riforma Governo Renzi: novità e cambiamenti dopo recenti dati ed eventi realizzabili in Legge di Stabilità

Nuove risorse da impiegare per la riforma pensioni? Tanti gli interventi e le soluzioni allo studio. Cosa cambierà nella prossima Legge di Stabilità?




Nuove risorse da impiegare per intervenire sulla riforma pensioni Forneo o almeno così di spera: Matteo Renzi, ieri sera ospite di Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’, ha parlato di un ‘tesoretto’ di un miliardo e mezzo euro che, ci si chiede, come verrà utilizzato? Probabilmente si partirà dagli ammortizzatori sociali, ma perché non pensare ad interventi sulle pensioni?

E nella prossima Legge di stabilità potrebbero rientrare, se interventi concreti ci saranno, non solo soluzioni di uscita anticipata per rispondere alle richieste di quanti stanno chiedendo maggiore flessibilità, ma anche misure di riduzione della spesa pensionistica.   

Ecco allora che insieme a uscita anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi e una serie di penalizzazioni o incentivi a seconda che si decide di uscire prima o dopo rispetto al limite attuale dei 66 anni, prestito pensionistico, Quota 100, estensione del sistema contributivo anche per gli uomini, il premier Renzi, insieme ai suoi consiglieri economici, pensa anche ad interventi che incidano maggiormente su pensioni integrative, baby pensioni, pensioni di invalidità, ricalcolo contributivo per tutti, interventi che contribuirebbero a rendere il sistema previdenziale decisamente più equo.

E chissà tutto non si concretizzi nella Legge di Stabilità che sarà presentata tra qualche settimana. Ed è stata lo stesso ex ministro Fornero, fautrice di quella riforma che tanto caos sta provocando e tanti problemi ha creato, l'unica però finora in grado di assicurare ben 80 miliardi di euro, a parlare della sua stessa riforma, ammettendone la rigidità, ammettendo che servirebbero interventi che assicurino flessibilità. E sul lavoro del premier: “Renzi si è dato il compito di scrollare il Paese e io credo che questo sia positivo. Mi piace meno l’idea che si debba fare tutto in fretta e che si debba sempre ripartire da zero”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il