BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cud 2015: regole e istruzioni. Cosa cambia e novità con certificazione unica. Per chi e come le modifiche

Cambia il Cud e dall’anno prossimo sarà in vigore la nuova Certificazione Unica dei redditi. Cosa cambia e cosa invece sarà uguale




L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la bozza del modello di Certificazione Unica dei redditi o CU 2015 (ex CUD e ex certificazione dei compensi assoggettati a ritenuta) che dovrà essere utilizzata dai sostituti d’imposta dal prossimo anno, per comunicare i dati sulle somme pagate e le ritenute operate nel periodo d’imposta precedente. Il modello Cu sostituirà, dunque il Cud che il datore di lavoro è tenuto a rilasciare e che attesta la certificazione dei redditi da lavoro dipendente; nonché la stessa certificazione dei redditi che sostituto d’imposta deve rilasciare sui redditi diversi, ovvero i redditi da lavoro autonomo, provvigioni e diversi e le relative ritenute.

Tutto diventa, dunque, più semplice per il sostituto d’imposta che dovrà utilizzare un solo modello di certificazione, sia per i redditi da lavoro dipendente che finora veniva attestata con il Cud, sia per la certificazione dei compensi erogati e delle relative ritenute operate, attestata finora in forma libera. Della nuova Certificazione Unica i sostituti d’imposta dovranno compilare un solo frontespizio con i propri dati, le informazioni anagrafiche del contribuente e il prospetto dei figli e degli altri familiari a carico del dipendente o pensionato per cui vengono riconosciute le detrazioni per carichi di famiglia.

Ci sarà poi un’apposita sezione per gestire il credito Irpef di 80 euro riconosciuto in busta paga dal sostituto di imposta ai lavoratori dipendenti che hanno un reddito fino a 26 mila euro. Ritroviamo nella CU l’incentivo per i giovani talenti che rientrano in Italia dopo un’esperienza lavorativa all’estero con la riduzione della base imponibile Irpef, dell’80% per le donne e del 70% per gli uomini; e a favore dei lavoratori del settore privato, per le somme erogate a titolo di incremento della produttività; e l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e relative addizionali regionale e comunale nella misura del 10%.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il