BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne riforma Governo Renzi: novità e modifiche che arrivano dal DEF approvato per la previdenza

Dopo Def al vaglio del Consiglio dei Ministri si capiranno le possibilità di intervento del governo su modifiche alla riforma pensioni. Ma poche probabilità




AGGIORNAMENTO: Il Def è stato presentato ieri dal Ministro Padoan e varato dal Consiglio dei Ministri. SI tratta di una revisione del DEF precedentamente approvato in primavera. Nel documento ufficiale di ieri, non vi sono indicazioni (come nel precedente, come abbiamo spiegato nell'articolo sottostante) sulla riforma delle pensioni ed eventuali novità e modifiche. Ma vengono indicati, comunque, elementi importanti che potrebbero permettere delle modifiche. Il primo è lo stanziamento di 1,5 miliardi per welfare e previdenza, il secondo è che il pareggio di bilancio è ritardato al 2017 permettendo lo sblocco di nuovi e importanti fondi e coperture. Infine, non sono previste nuove tasse e prelievi in generale, nè tantomeno sulle imposte.

Solo qualche settimana per la presentazione della nuova Legge di Stabilità che, finalmente, renderà noti quali interventi il governo potrà attuare. E sarà fondamentale capire cosa riporterà il nuovo Def, documento di economia e finanza, al vaglio del Consiglio dei Ministri tra oggi e domani. E’ un documento fondamentale perché renderà noti i margini di intervento per il governo soprattutto su particolari voci, come le modifiche tanto richieste sulla riforma pensioni attuale.

Dunque, prima il Def, poi la Legge di Stabilità che dovrà reperire le risorse finanziare necessarie per riforma del lavoro e che dovrebbe dare il via libera alla misura che permetterà ai dipendenti di beneficiare di ricevere una quota del proprio Tfr in busta paga.

Si tratta di un intervento che sarà in via sperimentale, per i privati, e che dunque escluderà gli statali. Ma quali gli interventi che potrebbero cambiare invece la riforma pensioni fra uscita anticipata, flessibilità, aumento degli assegni pensionistici minimi e contributo di solidarietà per le pensioni d’oro?

Nonostante le speranze non si è molto fiduciosi su possibili interventi flessibili sulle pensioni, soprattutto dopo le ultime parole del ministro dell'Economia Padoan che ha spiegato: “Negli ultimi mesi tutte le istituzioni internazionali, gli analisti privati e i governi nazionali hanno dovuto ripiegare su se stessi circa le stime di crescita rivelatesi eccessivamente ottimistiche. Questi rinvii continui suggeriscono non solo che la crescita si è dovuta spostare, ma che alcune cause profonde della mancanza di crescita non sono ancora ben comprese da tutti noi e siamo di fronte a problemi assai più profondi del semplice andamento ciclico”. Quadro di una situazione economica, dunque, non delle migliori che permetterà probabilmente di agire molto poco.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il