F24 Ottobre 2014: pagamenti, cosa e come cambia. Quando invio con banca online, cartaceo o obbligo commercialista. Le regole

Pagamento con modello F24 di importo superiore da oggi esclusivamente online: servizi telematici da usare e casi in cui si può usare modello cartaceo

F24 Ottobre 2014: pagamenti, cosa e come


Entra in vigore oggi, mercoledì primo ottobre, la nuova normativa che prevede per i pagamenti di importi pari o superiori ai mille euro il versamento con modelli F24 esclusivamente online. La novità è contenuta nel Decreto Irpef. Sparisce, dunque, quasi del tutto il modello F24 cartaceo per i versamenti tributi e contributi da parte di lavoratori senza partita Iva, di contribuenti con partita Iva, esercenti imprese, arti e professioni, che dovranno usare esclusivamente i servizi telematici per compensazioni e pagamenti con F24 di importo pari o superiore ai mille euro.

I servizi telematici disponibili sono quelli disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate o quelli dei canali di home banking delle proprie banche o di Poste italiane. L’F24 cartaceo potrà continuare ad essere usato solo dai contribuenti non titolari di partita Iva per eseguire pagamenti, senza compensazioni, per importi fino a mille euro.

E la stessa Agenzia delle Entrate ha chiarito ‘Si potrà ancora usare il modello F24 cartaceo: in caso di modello F24 precompilato dall'ente impositore, di qualsiasi importo, a condizione che non siano indicati crediti in compensazione; dai contribuenti che stanno versando a rate tributi e/o contributi (ma solo fino al 31 dicembre 2014) di qualsiasi importo e anche in caso di utilizzo di crediti in compensazione (pure con saldo pari a zero); dai contribuenti che beneficiano di agevolazioni fiscali riconosciute sotto forma di crediti d'imposta, utilizzabili in compensazione esclusivamente presso gli agenti della riscossione’.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il