BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi calcolo prima casa, seconda casa, terreni casa in affitto online con modello F24 stampato e compilato in automatico

Calcolo acconto Tasi 2014 online e pagamento con F24: deliberate nuove aliquote ed esempi di quanto costerà la nuova imposta




Trieste, Trento, Milano, Firenze, Padova, Perugia, Pavia, Como, Roma, Palermo, Catania, Lecce, Bari, Taranto, Foggia, Monza, Verona, Messina, Prato, Pescara, Campobasso, Catanzaro, Reggio Calabria, Potenza, Agrigento, Grosseto, Ascoli, Cesena, Cagliari sono alcuni degli oltre 5mila Comuni i cui cittadini il prossimo 16 ottobre dovranno versare l’acconto Tasi 2014. Si tratta dei Comuni che non sono riusciti a deliberare le nuove aliquote entro lo scorso maggio, ma che le hanno definite entro il 18 settembre e sono pronti ora a pagare.

Per chi non avesse rispettato neanche la scadenza di settembre per comunicare nuove aliquote e detrazioni, la nuova scadenza è quella del 16 dicembre, giorno di pagamento del saldo per tutti, mentre chi non ha versato l’acconto né a giugno e né ad ottobre, pagherà in un’unica soluzione calcolando la Tasi 2014 sull’aliquota base dell’1 per mille.

La Tasi si paga su tutti gli immobili sia seconde case, terreni, capannoni, negozi, uffici aziende che prime case  e pertinenze e case in affitto. E pagano sia i proprietari che gli inquilini. Le aliquote vengono deliberate dai singolo Comuni e sulle prime case possono essere del 2,5 per mille e arrivare al 3,3 per mille se alzate al massimo dello 0,8 per mille, mentre su tutti gli altri immobili possono salire dal 10,6 per mille all’11, 4 per mille.

Milano, per esempio, ha fissato aliquote al 2,5 per mille su prime case e all’11,4 per mille su tutti gli altri immobili, con detrazioni calcolate sulla rendita catastale e pagamento del 10% della somma per gli inquilini; a Firenze invece la Tasi si pagherà solo sulle prime case con aliquota dello 0,33%; anche nella Capitale l’aliquota sulle prime case sarà del 2,5 per mille e su seconde case e immobili commerciali dell’11,4 per mille. Aliquota al 3,3 per mille su prime case a Torino, Venezia, Perugia, Ancona e Bari.

Per calcolare la nuova Tasi 2014 si possono usare semplici simulatori online che permettono calcolo e diretta compilazione automatica del modello F24 per il pagamento dell’imposta. In pochi click si saprà quanto pagare senza fare necessariamente lunghe file ai Caf e rivolgersi al proprio commercialista.

Per fare qualche esempio di calcolo Tasi 2014, per un’abitazione di 120 metri quadrati in categoria A2 e una di 80 metri in categoria A3, per l’immobile di categoria A2 a Roma si pagano quasi 721 euro, 478 a Milano, 440 a Bari; per un’abitazione di 100 metri quadri A/3 si pagheranno 554 euro a Roma, 322 a Milano, 284 a Firenze, 292 a Bari, 155 a Verona e 28 euro a Palermo; mentre per una casa di 80 metri quadri, si pagheranno 443 euro a Roma, 217 euro a Milano, 194 euro a Bari, 187 a Firenze, 84 a Verona; mentre per un’abitazione di 50 metri quadri si pagheranno 220 euro a Roma, 61 a Milano, 46 a Bari, 27 a Catania.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il