BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Firenze, Roma, Lecce, Catania e altre città: calcolo, casi particolari, esenzioni prima casa, seconda casa, affitto, terreni

Roma, Firenze, Catania, Lecce sono tra i Comuni che pagano la prima rata Tasi 2014 il prossimo 16 ottobre: deliberate nuove aliquote e detrazioni




Si paga su prime, seconde case, e immobili commerciali la Tasi 2014 e a Roma le aliquote deliberate sono, rispettivamente, del 2,5 per mille per le abitazioni principali e dell’11,4 per mille su seconde case, negozi, uffici, terreni aziende e capannoni. Il Comune ha stabilito poi una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro, mentre non sono, previste ulteriori detrazioni per i residenti con figli.

Per quanto riguarda invece il pagamento che spetta agli inquilini, a Roma si paga il 20% dell’importo totale. L’aliquota al 2,5 per mille a Roma vale anche per la casa coniugale assegnata al coniuge, dopo separazioni o cessazioni del matrimonio; per gli immobili delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale; per i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali; per gli immobili posseduti da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non sia locata.

A Firenze, il Comune ha deciso che la Tasi si paga solo sulle prime case con aliquota al 3,3 per mille. Le detrazioni oscillano da detrazioni di 170 euro per chi ha una rendita catastale più bassa, ai 30 euro di detrazione per rendite catastali 1.000,1.200 euro; e sono previste anche detrazioni di 25 euro per i figli conviventi inferiori ai 26 anni che risiedono stabilmente nella prima casa.

Aliquota al massimo del 3,3 per mille a Catania con detrazioni deliberate in base alla rendita catastale; mentre a Lecce, l’aliquota sulle prime case è stata fissata al 2,5 per mille con detrazioni di 50 e 100 euro rispettivamente per immobili di categoria A/3 e A/4 e A/5, raddoppiate per nuclei familiari dove vi sono portatori di handicap. Le detrazioni previste sono raddoppiate anche nel caso in cui siano presenti nel nucleo familiare 3 o più figli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il