BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni: novità e indicazioni positive per tutti Governo Renzi sostenute da politica italiana e dall'estero

Dopo nuova salvaguardia esodati si auspicano interventi sulla riforma pensioni nella prossima Legge di Stabilità. Le novità possibili




Modifiche per uscita anticipata, aumento delle pensioni minime o bonus, estensione di una no tax area fino a 13mila euro: queste le strade su cui potrebbe intervenire il governo Renzi per modificare la riforma pensioni. Le richieste arrivano ormai da tempo da forze politiche e sociali, anche il nuovo commissario straordinario Inps, Tiziano Treu, appoggia le modifiche orientate verso una maggiore flessibilità in uscita, ma sempre rispettando i conti pubblici. Ma, del resto, i meccanismi di uscita anticipata finora proposti, da prestito pensionistico, a uscita a 62 anni con 35 anni di contributi, estensione del sistema contributivo anche per gli uomini, sono a costo zero, giacchè prevedono tutti la possibilità, da una parte, di andare in pensione prima, ma esclusivamente accettando penalizzazioni.

E proprio per questo motivo il ministro del Lavoro Poletti si è impegnato ad inserire nella prossima Legge di Stabilità modifiche per uscite anticipate anche se il ministro dell’Economia Padoan, pur pensando alla possibilità di detassazione delle pensioni e aumento degli assegni minimi, non è favorevole all’abbassamento dell’età pensionabile per una nuova riforma pensioni Renzi, perché ritiene che non siano abbastanza maturi i tempi per tale intervento nel nostro Paese. Tutto dipende alla situazione di forte difficoltà economica d’Italia.

Ma le novità e le ultime notizie pensioni proveniente da Germania e Francia dimostrano che anche in condizioni di crisi si può agire con interventi a favore di lavoratori e pensionati. Se, infatti, la Germania ha approvato una riforma pensioni che prevede l’abbassamento dell’età pensionabile, ma non ci sono poi così tanti problemi economici e finanziari nel Paese, in Francia sono state aumentate le pensioni fino a 1.200 euro di circa 40 euro.

Non si tratta di una cifra esorbitante ma, considerando che non regna poi una situazione rosea economicamente neanche Oltralpe, tale aumento rappresenta comunque un impegno dimostrato dal governo. E, viste le nuove risorse disponibili annunciate dal premier Renzi, che possono essere investite in previdenza e welfare, e le nuove derivanti dallo spostamento del pareggio di bilancio al 2017, l’auspicio è che, sulla scia del buon risultato ottenuto con l’approvazione della nuova salvaguardia per gli esodati, si possa intervenire con cambiamenti reali nella Legge di Stabilità di questo mese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il