BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Roma: calcolo, regolamento, esemopi, chi paga prima casa, terreni, seconda casa, negozi, affitto inquilini, proprietari

Pagamento primo acconto Tasi 2014 in scadenza il 16 ottobre nella Capitale: quanto e come pagare. Effettuare calcolo online




Prime case e seconde case, case in affitto, uffici, negozi, terreni, fabbricati turali, aziende, capannoni, banche: la Tasi, nuova tassa 2014 sui servizi cosiddetti indivisibili comunali, a differenza dell’Imu, viene pagata su tutti gli immobili. E non solo: devono versarla sia proprietari degli immobili che inquilini. Si paga il 16 ottobre nei Comuni ritardatari, cioè in quelli che non hanno deliberato le nuove aliquote lo scorso maggio, ma che le hanno pubblicate sul sito del Mef entro lo scorso 28 settembre. Tra questi anche il Comune di Roma.

Nella Capitale la Tasi sulle prime case sarà calcolata con un’aliquota al 2,5 per mille, mentre su seconde case e tutti gli immobili commerciali peserà un’aliquota all’11,4 per mille. L’amministrazione comunale ha deliberato una serie di detrazioni da applicare sulle prime  case, prevedendo una detrazione di 110 euro per immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro per immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro per immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro.

Considerando che, come accennato a inizio pezzo, la Tasi deve essere pagata sia da proprietari che da inquilini, a Roma agli affittuari tocca il pagamento del 20% della cifra totale da pagare. Per effettuare il versamento si potranno usare bollettini postali e modello F24.

Ma chi paga con modello F24 è bene che sappia che per importi superiori ai 1.000 euro dovrà effettuare il versamento esclusivamente attraverso un canale telematico come quelli disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate, come Fiscotel, o delle Poste, o attraverso il canale home banking dalla proprio istituto bancario. Per sapere quanto pagare di Tasi si possono usare anche calcolatori online.

Secondo uno studio della Cgil, la Tasi a Roma colpirà soprattutto  le periferie e i quartieri come Trastevere, Testaccio, e Garbatella e, secondo Antonella Costantini del Caf Cgil Lazio, "è un modo iniquo perché "in zone come Parioli o Monti i vani sono più grandi rispetto ad altri quartieri e alla periferia. L'equità si avrà quando il valore sarà calcolato sui metri quadrati e non sul vano catastale".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il