BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi: calcolo e pagamento online automatico F24, bollettini postale compilazione e stampa prima casa, seconda casa e affitto

Modalità di calcolo e pagamento acconto Tasi il 16 ottobre: Comuni in cui si paga e compilazione modello F24 automatico online




Ascoli Piceno, Agrigento, Grosseto, Milano, Trieste, Roma, Bari, Campobasso, Verona, Trento, Potenza, Pavia, Padova, Reggio Calabria, Perugia, Como, Catanzaro, Lecce, Palermo, Taranto, Catania, Cesena, Cagliari, Messina, Monza, Prato, Pescara: mancano dieci giorni esatti al primo pagamento Tasi 2014 in questi comuni ed altri, per un totale di oltre 5mila città in Italia. Il 18 settembre scorso in questi Comuni sono state deliberate le nuove aliquote di pagamento riportate ufficialmente sul sito del Mef.

Ogni singolo Comune ha stabilito le proprie aliquote che, per le abitazioni principali, oscillano dal 2,5 per mille al 3,3 per mille se alzate al massimo dello 0,8 per mille, mentre per le seconde case e tutti gli immobili commerciali, da uffici a negozi, aziende, capannoni, terreni, ecc, possono oscillare dal 10,6 per mille all’11, 4 per mille. I Comuni hanno anche facoltà di decidere l’applicazione, o meno, di detrazioni per le prime case, esenzioni, nonché la percentuale di pagamento per gli inquilini.

Per calcolare la Tasi 2014, partendo dalla rendita catastale del proprio immobile, si possono usare calcolatori online che permettono di conoscere l’importo Tasi da versare e l’automatica compilazione del modello F24 che una volta pronto dovrà solo essere pagato. Chi paga con il modello F24 deve considerare che per cifre superiori ai mille euro bisognerà effettuare il versamento con F24 obbligatoriamente online attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, delle Poste, o della propria banca, mentre chi paga cifre inferiori ai mille euro può continuare ad usare l’F24 cartaceo.

Per una corretta compilazione del modello F24, bisogna riportare i giusti codici Tributo Tasi che sono 3958 per l'abitazione principale e pertinenze, 3961 per gli altri fabbricati, 3959 per i fabbricati rurali, 3960 per le aree edificabili; e poi riempire lo spazio codice ente/codice comune in cui riportare il codice catastale del Comune dove si trova l’immobile; il campo Numero immobili, dove indicare il numero degli immobili; tipologia di pagamento; barrare la casella ‘Acc’ per l’acconto; e inserire l‘Anno di riferimento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il