BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Roma, Cagliari, Bari, Lecce e tutte le altre città: regolamento, calcolo, esempi, istruzioni

Pagamento acconto Tasi 2014 a Roma, Cagliari, Lecce e Bari il prossimo 16 ottobre: come pagare e aliquote nuove deliberate




Roma, Lecce, Bari e Cagliari chiamati al pagamento del primo acconto Tasi il prossimo 16 ottobre. Pagano tutti, proprietari e inquilini, di prime case, seconde case, uffici, negozi, capannoni, terreni. Per il pagamento Tasi 2014, il Comune di Roma ha deliberato aliquote al 2,5 per mille per le abitazioni principali e all’11,4 per mille su seconde case, negozi, uffici, capannoni, terreni,e ha fissato una detrazione di 110 euro agli immobili con rendita fino a 450 euro; una detrazione di 60 euro agli immobili con rendita tra 451 euro e 650 euro; una detrazione di 30 euro agli immobili con rendita catastale tra 651 euro e 1.500 euro, mentre non sono, previste ulteriori detrazioni per i residenti con figli. Per quanto riguarda gli inquilini, nella Capitale pagheranno il 20% dell’importo totale della nuova tassa

A Roma l’aliquota al 2,5 per mille vale anche per gli immobili delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale; per i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali; per la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale o cessazione del matrimonio; per un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia; per gli immobili posseduti da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente.

A Lecce è stata deliberata l’aliquota l 2,5 per mille sulle prime case con detrazioni di 50 e 100 euro rispettivamente per immobili di categoria A/3 e A/4 e A/5, raddoppiate per nuclei familiari dove vi sono portatori di handicap. Le detrazioni sono raddoppiate anche nel caso in cui siano presenti nel nucleo familiare 3 o più figli.

A Bari, la Tasi si paga solo sulle prime abitazioni con un’aliquota al 3,3 per mille e detrazioni sulle prime case stabilite non in base alla rendita catastale ma in base all’Isee del nucleo familiare. Nel capoluogo pugliese è stata deliberata un’aliquota al 3,3 per mille vale anche per immobili delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; per immobili, non locati di proprietà di anziani o disabili residenti in istituti di ricovero o sanitari; e per la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento,  o cessazione del matrimonio; per fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali.

Aliquota al 3,3 per mille sulle prime case anche a Cagliari, dove sono state deliberate anche detrazioni di 40 euro per figli che abbiano meno di 26 anni e vivono stabilmente nella prima casa. Prevista anche una detrazione di 100 per rendite catastali fino a 300 euro: di 93 euro per rendite da 301 a 850 euro; di 93 più 25 però di detrazioni per i figli per rendite da 851 a 11250 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il