BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari, IUC: come funziona calcolo e pagamento prima casa, casa affitto, seconda casa e terreni agricoli e non

Tasi, Imu e Tari formano la nuova Iuc e si pagano quest’anno: ad ottobre si paga però solo la prima rata Tasi 2014 nei Comuni che hanno deliberato le nuove aliquote a settembre




Si chiama Iuc è la nuova Imposta Unica Comunale che ha debuttato quest’anno e comprende l’Imu e le nuove Tasi, tassa sui servizi indivisibili comunali, e Tari, nuova tassa sui rifiuti in vigore da quest’anno al posto della Tares. Chiariamo che di queste tre imposte sulla casa, ad ottobre, precisamente il 16, si paga esclusivamente la Tasi e solo in quei Comuni in cui i cittadini non hanno pagato l’acconto lo scorso giugno in mancanza della delibere delle nuove aliquote di pagamento.

La Tasi, infatti, come l’Imu, si paga in due rate: acconto e saldo. Il pagamento dell’acconto Tasi, come quello Imu, è fissato per il 16 giugno e il saldo il 16 giugno, ma, considerando l’accavallarsi delle scadenze fiscali della scorsa estate, molti Comuni non sono riusciti a deliberate le nuove aliquote e per i comuni ritardatari è stata prorogata la scadenza di pagamento dell’acconto al 16 ottobre.

Resta fissato per tutti il termine del 16 dicembre per tutti. Sottolineiamo che ad ottobre si paga solo la Tasi nei Comuni ritardatari e non si paga l’Imu. Il prossimo appuntamento con il pagamento Imu è quello di dicembre. La Tasi di ottobre, inoltre, si paga su tutti gli immobili, prime case e pertinenze e seconde case, terreni, fabbricati rurali, capannoni, negozi, uffici, aziende, ecc.  

La nuova Tasi sui servizi indivisibili comunali deve essere pagata, a differenza dell’Imu, da proprietari di immobili e inquilini. Pagano infatti anche coloro che vivono in affitto ma solo una percentuale di pagamento compresa tra il 10 e il 30% dell’importo totale Tasi dovuto. La restante cifra dovrà essere versata solo dai proprietari. Il pagamento per gli inquilini non è tuttavia obbligatorio ma sono i Comuni a dover stabilire se devono pagare e in che misura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il