BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: calcolo e compilazione online e stampa F24 automatico per tutti Comuni aliquote e detrazioni e tutti immobili

Sono oltre 5.000 i comuni coinvolti nel pagamento dell'acconto della Tasi 2014. Molti contribuenti dovranno pagare di più rispetto alla IMU.




Entro il 16 ottobre 2014 occorre pagare la prima rata della Tasi in quei circa 5.200 comuni che hanno deliberato aliquote e detrazioni a settembre. Il saldo va effettuato entro il 16 dicembre. Quali sono i comuni che nel confronto fra IMU 2012 e Tasi 2014? Verbania (+200 euro), Mantova (+120 euro), Prato (+117 euro), Trieste (+100 euro), Ascoli Piceno (+85 euro), Lucca (+83 euro), Teramo (+75 euro), Cuneo (+65 euro), Massa (+61 euro), Frosinone (+59 euro), Como (+44 euro), Perugia (+41 euro), Bergamo (+41 euro), Vibo Valentia (+38 euro). E i comuni che pagheranno di meno? Siena (-374 euro), Torino (-332 euro), Roma (-319 euro), Livorno (-277 euro), Brindisi (-260 euro).

Per sapere quanto pagare è utilizzabile la nostra calcolatrice online presente in questa pagina. Per il versamento occorre far riferimento al modello F24 da presentare a uno sportello bancario o postale utilizzando i codici tributo 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. La Tasi si applica su abitazioni principali e pertinenze. Nelle prime rientrano le unità a uso abitativo di categoria catastale A (esclusi gli uffici A10), nella quale il contribuente risiede abitualmente e dal punto di vista anagrafico.

Diverso è il caso degli immobili signorili (A1), ville (A8), castelli e palazzi (A9): sono soggetti a IMU, ma il comune in cui ricadono può anche prevedere la Tasi, ma generalmente l'aliquota è ridotta. Le pertinenze sono una per ciascuna categoria ovvero cantina (C2), box o posto auto (C6), tettoia (C7).

Devono aprire il portafogli anche i proprietari di case affittate, sfitte o seconde case, pertinenze non di prima casa o non agevolabili, uffici, negozi, depositi, immobili commerciali e industriali, altri fabbricati strumentali e le aree fabbricabili.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il