BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: calcolo e F24 online compilazione prima casa, seconda casa, affitto. Alcuni problemi e incertezze ci sono ancora

Come ripartire l'importo della Tasi 2014 fra intestatario e inquilini in affitto? Quali sono per legge le assimilazioni all'abitazione principale?




Il capitolo Tasi 2014 è ancora aperto. Non solo perché entro il 16 ottobre occorre versare la prima rata in oltre 5.000 comuni italiani. Ma anche per la varietà di regole che trovano diverse declinazioni in base alle decisioni delle singole amministrazioni. Ad esempio la quota da pagare per gli inquilini in affitto varia fra il 10% e il 30% in base alla città mentre il resto è a carico dell'intestatario.

Quali sono per legge le assimilazioni all'abitazione principale? Le unità immobiliari delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari; gli alloggi regolarmente assegnati dagli Iacp; l'abitazione data al coniuge separato o divorziato assegnatario, anche se non proprietario della ex casa coniugale, a condizione che vi dimori abitualmente e risieda anagraficamente; la casa di abitazione, purché non locata, dei soggetti appartenenti alle Forze armate, Polizia, Vigili del fuoco, anche se risiedono altrove.

Alcuni comuni fanno rientrare anche le case di riposo o altri istituti di ricovero presso cui gli anziani o i disabili hanno trasferito la residenza. Diverso è il caso dell'immobile posseduto dagli italiani residenti all'estero: è soggetto a IMU a meno che il comune non abbia deliberato diversamente. C'è poi il capitolo delle detrazioni, fissate comune per comune sulla base della rendita catastale e delle condizioni familiari.

Per conoscere la somma da pagare è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online. Chi decide di affidarsi ai calcoli manuali deve stare attento al moltiplicatore che è pari a 160 per le abitazioni (categoria catastale A tranne A10), per box, cantine, soffitte e posti auto (categorie catastali C2, C6 e C7); 65 per fabbriche, alberghi (categoria D escluso D5); 140 per laboratori (C3); 80 per uffici (A10); 55 per negozi e botteghe (C1).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il