BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia riforma Governo Renzi: novità proposte su contributi subito nello stipendio e non a INPS da Grillo

Dopo il Tfr Grillo propone contributi Inps nelle tasche dei lavoratori: critica nei confronti della misura del Tfr annunciato dal premier Renzi




Critico nei confronti del governo Renzi, del premier, contrastato sin dall'inizio, Beppe Grillo interviene sulla possibilità di erogare metà del Tfr in busta paga dei lavoratori e definisce il Tfr in busta paga come 'La corazzata Potëmkin' di Fantozzi. Grillo dice: “Ma se il lavoratore (solo privato) deve avere il Tfr in busta paga, perché non lasciargli anche l'Inps affinché si garantisca una vera pensione, visto che quella dello Stato probabilmente non la vedrà mai? Se lo Stato inserisce il Tfr, allora a fine mese i lavoratori dovrebbero ricevere anche i contributi versati all’Inps”.

Per Grillo, “Il Tfr in busta paga è come 'La corazzata Potëmkin' di Fantozzi, una fregatura per lavoratori e imprenditori, con l'unico scopo di incrementare il gettito fiscale e strappare un giorno in più al tracollo del sistema”.

Il leader del Movimento 5 Stelle ha espresso contrarietà sulla misura: “Mentre il Paese precipita nel baratro, della disoccupazione e della recessione, il Governo gli da una spintarella. Togliere il Tfr alle imprese, significa metterle in mutande e costringerle a rivolgersi al credito bancario per finanziarsi”.

Riferendosi a Renzi, Grillo incalza: “L'ebetino di Firenze ha vissuto solo di politica e si vede. Forse non sa che molte aziende già si indebitano per pagare le tredicesime e che contano nel Tfr per fare piccoli investimenti che rendono più sicuro il lavoro stesso dei propri dipendenti. Per quale motivo mai inoltre gli imprenditori privati dovrebbero avere i soldi per farlo e l'amministrazione pubblica no, non riesce a spiegarlo nemmeno l'ex-sindaco di Firenze. Questo provvedimento è solo un atto di disperazione che allontana una ripresa ormai impossibile”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il