BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: nuovo scontro tra Pd e Governo al proprio interno

Continua ad essere diviso il mondo politico sulle questioni di indulto e amnistia: premier Renzi continua ad essere contrario




Continua l’esame dei quattro ddl su indulto e amnistia ma continua anche il dibattito e la discussione fra chi ne è favorevole, come il presidente della Repubblica Napolitano che da mesi auspica l’approvazione delle misure di clemenza per arginare il problema del sovraffollamento delle carceri italiane, e chi ne è contrario, premier Renzi in prima fila. Il presidente del Consiglio, dopo aver più volte ribadito come le misure di clemenza non siano poi così risolutive come si pensa per mettere un freno all’emergenza carceraria, intervenendo Quinta Colonna ha detto: “I criminali colpevoli devono pagare fino alla fine. Chi commette un reato e viene condannato deve restare dentro. Se guardo le statistiche vedo che la situazione è un pò meglio del passato, ma chi subisce le conseguenze non si preoccupa delle statistiche. Noi dobbiamo far sì che quelli che becchiamo quando vengono condannati poi restano dentro”.

Poi ha detto: “Quando un cittadino vede ripassare per la stessa strada anche uno scippatore l'impressione è che poi non ci sia più certezza del diritto. La giustizia deve garantire che chi è colpevole paga fino alla fine”. Silenzio sulle misure di indulto e amnistia da parte del ministro della Giustizia Orlando che ha invece detto: “Mi auguro che ci sia la possibilità di intervenire sulle strutture carcerarie anche dal punto di vista del lavoro e del reinserimento” ma sulle misure di clemenza ha precisato che non sarebbe contrario in linea di principio a votare per amnistia e indulto.

Ma secondo Orlando “Allo stato attuale non ci sono le condizioni per approvare con la maggioranza dei due terzi de Parlamento indulto e amnistia”. Secondo Orlando, inoltre, “Ci sono quindi le condizioni perché entro la fine dell’anno gli strumenti contro la criminalità economica siano decisamente potenziati, soddisfacendo anche le aspettative della comunità internazionale”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il