BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: spiegazioni e istruzioni calcolo e pagamento prima e seconda rata Ottobre e Dicembre. Chi paga e immobili

Nell'arco di tre mesi occorre passare due volte dalla cassa per pagare l'acconto e il saldo della Tasi 2014 e la seconda data dell'Imu.




L'appuntamento con il fisco italiano è duplice. Da una parte c'è quello del 16 ottobre 2014 con la Tasi a cui sono chiamati i possessori a qualsiasi titolo di fabbricati, compresa l'abitazione principale, e aree edificabili. Non conta il loro utilizzo. Sono coinvolti sono quei comuni che hanno fissato aliquote e detrazioni entro il mese di settembre, fra cui Milano e Roma. La Tasi, si ricorda, è la tassa sui servizi indivisibili, seconda componente della Iuc, l'Imposta unica comunale, come illuminazione, manutenzione delle strade e del verde pubblico.

Poi c'è l'Imu, la tassa sul possesso degli immobili, che non si paga solo per l'abitazione principale, escluse quelle che rientrano nelle categorie A1, A8 e A9. La prima rata è stata già versata entro il 16 giugno. Ora c'è l'appuntamento con il saldo del 16 dicembre, che coincide anche con la seconda e ultima rata dalla Tasi. L'Imu è l'unica imposta per la quale spetta al contribuente il calcolo e il versamento mediante compilazione del modello F24 o del bollettino postale. Già, perché per la Tasi la legge di stabilità prevederebbe l'invio di moduli di pagamento pre-compilati da parte dei Comuni, ma è di fatto inattuato.

Come si calcola l'Imu? Per prima cosa occorre determinare la base imponibile, che si ottiene moltiplicando per l'apposito moltiplicatore la rendita catastale rivalutata del 5%. Quindi si applica l'aliquota stabilita dal Comune. Alla somma si sottrae la detrazione per le sole abitazioni principali ancora soggette al tributo. Infine si divide il risultato in base alle quote di proprietà per conoscere l'importo totale ovvero acconto e saldo. Il calcolo della base imponibile è lo stesso dell'Imu. A ogni modo ci sono tanti simulatori online, come il nostro, per sapere con pochi click la somma da pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il