BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: calcolo online prima casa, seconda casa, terreni, affitto e compilazione F24, bollettino postale automatica

La prossima scadenza fiscale per i contribuenti italiani è quella della Tasi. La prima rata sull'imposta sui servizi indivisibili va versata entro il 16 ottobre 2014.




Sono 3 le imposte sulla casa previste in questo 2014: quella patrimoniale dell'Imu dovuta dal possessore di abitazioni di lusso e seconda case, escluse le abitazioni principali; quella sui servizi indivisibili della Tasi a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile; quella dei rifiuti della Tari a carico degli inquilini, indipendentemente se proprietari o affittuari. Tutte insieme formano la Iuc (Imposta unica comunale). La somma delle aliquote IMU e Tasi non può superare il 10,6 per mille, la Tasi per le prime case non può oltrepassare il tetto del 3,2 per mille.

Se la prima rata della Imu è stata già versata, entro il 16 ottobre 2014 occorre pagare quella della Tasi nei comuni in cui la scadenza non era stata fissata a giugno. Entro il 16 dicembre è previsto il salasso per i contribuenti italiani poiché bisogna versare il saldo di entrambe le imposte. Diverso è il caso della Tari: sono i singoli comuni a stabilire le scadenze. La distribuzione dell'importo è su due rate ma a differenza di Imu e Tasi, non occorrerà fare calcoli poiché le amministrazioni comunali invieranno a casa i modelli precompilati.

Per chi è alle prese con la Tasi un utile strumento è rappresentato dal nostro simulatore online. Non solo con l'inserimento di pochi dati è possibile conoscere l'importo richiesto, ma viene prodotto anche il modello F24 per il versamento. Già, perché per il pagamento della Tasi occorre utilizzare il modello F24, da presentare a uno sportello bancario, nel caso in cui l'importo sia inferiore a 1.000 euro. Oltre questa soglia è necessario provvedere per via telematica.

I codici tributo di riferimento sono 3958 per la Tasi su abitazione principale e pertinenze, 3959 per la Tasi su fabbricati rurali strumentali, 3960 per la Tasi su aree fabbricabili, 3961 per la Tasi su altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il