BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità 2014-2015: riforma pensioni, Tfr anticipato, sblocco contratti, bonus 80 euro con modifiche Governo Renzi

Quali sono i nuovi interventi che saranno presentati nella nuova Legge di Stabilità del 15 ottobre? Mancano modifiche pensioni e provvedimenti per i Quota 96 della scuola




Nuovi finanziamenti per ammortizzatori sociali, risorse per lo sblocco dei contratti nel 2015 per militari e forze dell’ordine, confermato il bonus degli 80 in busta paga per i dipendenti pubblici, bonus che dal 2015 diventerà strutturale, confermata anche la proroga delle detrazioni per i lavori di ristrutturazione energetica di casa, ed erogazione del Tfr in busta paga: al momento sono queste le misure confermate che dovrebbero rientrare nella nuova Legge di Stabilità che sarà presentata il 15 ottobre. Nulla invece per i pensionandi di Quota 96 della scuola e nulla, al momento, nemmeno su eventuali modifiche alla riforma pensioni.

Sul Tfr in busta paga, il premier Renzi ha detto: “Sarebbe bello che il Tfr finisca in busta paga dal prossimo anno.  Il Tfr, la liquidazione, sono soldi dei lavoratori, che però vengono dati tutti insieme alla fine del rapporto di lavoro. La filosofia sembra essere protettiva: te li metto da parte, per evitare che tu li ‘bruci’ tutti insieme. Uno Stato-mamma, dunque, che sottilmente fa passare il messaggio di non fidarsi dei lavoratori-figli. Io la vedo diversamente: per me un cittadino è maturo e consapevole. E come accade in tutto il mondo non può essere lo Stato a decidere per lui. Ecco perché mi piacerebbe che dal prossimo anno i soldi del Tfr andassero subito in busta paga mensilmente”.

Per il bonus di 80 euro, non è al momento prevista alcuna estensione di questo bonus a nuovi beneficiari e nemmeno ai pensionati. L’unica novità potrebbe riguardare le famiglie mono-reddito molto numerose.

E cambiano le voci per l'erogazione del bonus. Non dovrebbe, infatti, essere riportata nello stipendio la voce ‘bonus’, ma dal primo gennaio 2015 gli 80 euro dovrebbero arrivare come minori contributi, novità che permetterebbe al governo di classificare il bonus come minore entrata e non come minore spesa sulla base delle regole Eurostat, come accade attualmente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il