BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Milano: detrazioni, esenzioni, aliquote. Calcolo, pagamento con codici tributo e casi particolari

I codici di riferimento a Milano per il pagamento della Tasi 2014 sono F205 per il comune e 3958 per abitazione principale e relative pertinenze.




C'è la prima rata Tasi da pagare a Milano entro il 16 ottobre dai possessori di prima casa, abitazione principale, casa in affitto, terreni agricoli e non, capannoni, negozi, uffici.

L'aliquota è al 2,5 per mille per abitazione principale appartenente alle categorie catastali A2, A3, A4, A5, A6, A7 e relative pertinenze C2, C6, C7. La percentuale scendo allo 0,8 per mille nel caso delle categorie A1, A8, A9 e relative pertinenze. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.

Il capitolo detrazioni è così composto: rendita catastale fino a 300 euro detrazione di 115 euro a prescindere dal reddito; a salire è legata al reddito Irpef di 21.000 euro così modulati: 112 euro per rendite fino a 350 euro; 99 euro per rendite tra i 351 e i 400 euro; 87 euro per rendite da 401 e 450 euro; 74 euro per rendite da 451 a 500 euro; 61 euro per rendite da 501 a 550 euro; 49 euro per rendite da 551 a 600 euro; 24 euro per rendite da 601 a 700 euro. Le detrazioni sono maggiorate di 20 euro, fino a un massimo di 60 euro per ogni figlio minore di 26 anni.

Per il versamento della Tasi occorre utilizzare il modello F24. I codici di riferimento sono F205 per il comune e 3958 per abitazione principale e relative pertinenze. Come comunica l'amministrazione meneghina, il pagamento deve essere effettuato con arrotondamento all'euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo. Non si procede al versamento qualora l'imposta dovuta complessivamente per l'anno, e non per le singole rate di acconto e di saldo, sia uguale o inferiore a 12 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il