BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di Stabilità: pensioni riforma, tasse famiglie e imprese, quota 96, TFR Anticipato Governo Renzi Manovra 2014-2015

Tfr in busta paga, conferma bonus 80 euro ed eco bonus casa, sblocco contratti militari ma nulla per soluzioni Quota 96 della scuola e modifiche riforma pensioni in nuova Legge di Stabilità




“Mi piacerebbe che dal prossimo anno i soldi del Tfr andassero subito in busta paga mensilmente, per continuare sulla filosofia che ha permesso di erogare gli 80 euro in busta paga ai lavoratori con redditi al di sotto dei 24mila euro lordi. E cioè si tradurrebbe in un raddoppio dell’operazione 80 euro più possibilità d’acquisto, un altro tassello verso il modello Italia: noi infatti abbiamo scelto di non ridurre i salari, come hanno fatto altri paesi, ma di fare le riforme per creare competitività”: queste le dichiarazioni del premier Matteo Renzi che punta ad introdurre nella nuova Legge di Stabilità la misura di erogazione di metà del Tfr nelle busta paga dei dipendenti.

Ma insieme a questa misura, che sta scuotendo un po’ gli animi, in arrivo nella nuova Legge di Stabilità dovrebbe esserci taglio del cuneo fiscale per le imprese e le famiglie; sblocco degli stipendi per militari e forze dell’ordine; conferma del bonus fiscale degli 80 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti e degli bonus di ristrutturazione casa.

Anche il viceministro dell’Economia Morando ha confermato l’ecobonus, definendola “una misura che sta funzionando bene e che sta aiutando il comparto dell'edilizia drammaticamente sofferente per la crisi”. Nessuna novità positiva invece è attesa per i Quota 96 della scuola: il ministro Giannini è stata chiara annunciando che al momento non si parla di alcun provvedimento, ‘tradendo’, tra l’altro, la promessa fatta qualche tempo fa di soluzioni per i 4mila pensionandi della scuola.

E tutto tace anche sulle eventuali modifiche che si dovrebbero apportare alla riforma pensioni. Tante le idee in discussione e le proposte avanzate in questi mesi per permette uscite anticipate e flessibili ai lavoratori, ed anche a costo zero, che, però, sembra che il governo non stia tenendo in considerazione, lasciando così aperto un capitolo decisamente importante.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il