BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: calcolo F24 online, assistenza, aiuto, compilazione e stampa, domande e risposta e guida

Occorre fare i conti con il calcolo e il pagamento della prima rata della Tasi 2014. La scadenza in oltre 5.200 comuni è fissata il 16 ottobre.




La prossima è la settimana della scadenza della Tasi 2014. Entro il 16 ottobre occorre versare la prima rata dell'acconto che colpisce sia il proprietario sia l'utilizzatore dell'immobile. Ma come orientarsi fra delibere, aliquote e detrazioni? Come procedere con i calcoli e il pagamento? Il web fornisce ogni tipo di risposta.

In questa pagina, ad esempio, sono contenute molte spiegazioni e sono indicate tante soluzioni per contattare esperti della materia, da quelli del quotidiano economico-finanzario Il Sole 24 Ore a quelli di Agefis (Associazione dei geometri fiscalisti). Molti casi particolari sono poi passati al setaccio in questa pagina, fra cui quelli relativi ad anziani, divorziati, disabili e valore del reddito Isee per il calcolo delle detrazioni. Per il calcolo è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online.

Provando a fare qualche esempio, ad Agrigento l'aliquota è al 2,5 per mille ed è in vigore una detrazione di 100 euro per una rendita catastale fino a 400 euro. Ad Ancona aliquota al 3,3 per mille e detrazione di 100 euro fino a 220 euro di rendita catastale; per gli immobili tra 200 euro e 440 euro detrazione con la formula 100x(440-rendita catastale)/220 euro; nessuna detrazione per gli immobili sopra i 440 euro. Ad Alessandria aliquota al 2,5 per mille, ad Aosta all'1 per mille esclusi gli immobili in A7 (1,5 per mille) e A1, A8 e A9 (2 per mille). In entrambi questi due ultimi casi non sono previste detrazioni.

E ancora, ad Arezzo aliquota al Arezzo al 3,3 per mille e detrazione di 150 euro per immobili con rendita catastale fino a 600 euro; di 100 euro con rendita catastale tra i 600 e i 750 euro; di 50 euro per rendite catastali tra i 750 e i 1.000 euro; nessuna detrazione sopra i 1.000 euro. Detrazione di 50 euro per ogni figlio minore di 26 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il