BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: Milani, Roma, Padova, Firenze, Verona e altre città. Regolamento, calcolo F24, detrazioni, codici tributi

Sono oltre 5.000 i comuni italiani coinvolti nel pagamento della prima rata della Tasi 2014 entro il prossimo giovedì. L'imposta grava anche sugli inquilini in affitto.




Tasi 2014 su prime e seconde case, uffici, negozi, capannoni, aziende, terreni e immobili commerciali: l'imposta colpisce il possesso, indipendentemente dall'uso. Sono 5.220 i comuni italiani in cui bisognerà pagare l'acconto Tasi entro il prossimo giovedì 16 ottobre sulla base delle singole aliquote e detrazioni. Molti di questi sono capoluoghi, fra cui Milano, Firenze, Roma, Padova, Verona, Campobasso, Monza, Terni, Carrara, Nuoro, Trapani, Catania, Olbia, Trieste, Catanzaro, Oristano, Varese, Cesena, Padova, Vercelli, Chieti, Palermo, Verona, Como, Pavia, Viterbo, Cosenza, Perugia.

Come si calcola la Tasi nel caso di immobili in affitto? Si paga in ogni caso? Occorre sempre fare riferimento alle aliquote applicate dai singole comuni. Provando a dare uno sguardo alle scelte fatte, la maggior parte delle amministrazioni ha deciso di abbassare la percentuale laddove occorre già pagare l'Imu.

A tal proposito una delle maggiori differenze rispetto alla tassa sui servizi indivisibili è appunto l'estensione di quest'ultima non solo ai proprietari, ma anche agli inquilini, purché il contratto di affitto sia maggiore di sei mesi. La ripartizione delle spese va dallo schema 90%-10% a quello 70%-30%. Se l'importo è inferiore a 12 euro nulla è dovuto. In questa pagina è presente il nostro software per il calcolo.

Provando a fare qualche esempio, a Cagliari aliquota al 2,8 per mille per immobili con rendita fino a 1.250 euro e al 3,3 per mille al di sopra dei 1.251 euro. Fino a 300 euro di rendita catastale detrazione di 100 euro più 40 euro per ogni figlio minore di 26 anni; da 301 a 850 euro di rendita catastale detrazione di 93 euro più 40 euro ogni figlio minore di 26 anni; da 851 a 1.250 euro 93 euro più 25 euro per ogni figlio minore di 26 anni; nessuna detrazione per una rendita catastale da 1.251 euro. A Carrara aliquota al 3,3 per mille e detrazione fissa di 140 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il