BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, IMU, IUC, Tari: prima casa, seconda casa, affitto. Detrazioni, agevolazioni, esenzioni. Per chi, come e quando

Le detrazioni della Tasi possono ruotare attorno alla rendita catastale o alla situazione familiare. I comuni possono prevedere anche riduzioni ed esoneri dal pagamento.




Il 16 ottobre 2014 è l'ultimo giorno utile per pagare la prima rata Tasi senza incorrere in sanzioni. Si tratta di una imposta basata sul possesso e si applica a tutti gli immobili presenti sul territorio nazionale, incluse le prime e seconde case, gli uffici, i negozi, i capannoni, le pertinenze, tranne i terreni agricoli.

Il calcolo della somma da pagare, per cui è disponibile il nostro simulatore online, varia da città a città poiché ruota attorno alle aliquota singolarmente deliberate. Se il risultato è inferiore a 12 euro non occorrerà aprire il portafogli. Si tratta di una eventualità che si può verifica nel caso di immobili in affitto. In questo caso, infatti, i locatari devono partecipare al pagamento della Tasi per una percentuale variabile fra il 10 e il 30%. Fra i capoluoghi coinvolti ci sono Benevento, Lecce, Siena, Biella, Massa, Siracusa, Brindisi, Matera, Sondrio, Cagliari, Messina, Taranto, Caltanissetta, Milano, Teramo, Campobasso, Monza, Terni, Carrara, Nuoro, Trapani.

I sindaci possono infatti stabilire riduzioni ed esoneri nei casi di abitazioni con unico occupante; abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo; locali e aree scoperte adibiti a uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; abitazioni occupate da soggetti che risiedano all'estero per più di sei mesi; fabbricati rurali a uso abitativo; superfici eccedenti il normale rapporto tra produzione di rifiuti e superficie stessa.

Poi c'è naturalmente il capitolo delle detrazioni che possono essere modulate sulla base della rendita catastale e della situazione familiare ovvero la presenza di figli (generalmente con meno di 26 anni) sotto lo stesso tetto e un reddito Isee al di sotto di una soglia prestabilita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il