BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi Milano, Firenze, Roma, Padova, Verona e altre città: F24 online, calcolo e pagamento.Regolamento,detrazioni, casi particolari

Aliquote e detrazioni variano in base alla città. Occorre fare riferimento alle singole delibere comunali. Per il calcolo automatico c'è anche il nostro simulatore online.




Questa è la settimana del pagamento della Tasi 2014. Entro il 16 ottobre va versata in oltre 5.200 comuni. L'imposta può essere pagata con il modello F24, sia cartaceo sia telematico, o con bollettino postale. Nel primo caso è però limitato a importi inferiori a 1.000 euro. Per conoscere la somma da pagare è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online.

A Roma l'aliquota pari è al 2,5 per mille per le abitazioni principali e relative pertinenze non soggette a IMU (immobili non classificati nelle categorie catastali A1, A8, A9). Stessa quota per unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali; la casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

A Milano la Tasi è al 2,5 per mille ma è all'11,4 per mille su seconde case e altri immobili. Le detrazioni ammontano a 115 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 300 euro; a 112 euro per quelle con rendita catastale fino a 350,99 euro; a 99 euro per quelle con rendita catastale da 351 a 400 euro; a 87 euro per quelle con rendita catastale da 401 a 450,99 euro; a 74 euro per quelle con rendita catastale da 451 a 500,99 euro; a 61 euro per quelle con rendita catastale da 501 a 550,99 euro; a 49 euro per quelle con rendita catastale da 551 a 600,99 euro; a 24 euro per quelle con rendita catastale da 601 a 700 euro.

A Firenze l'aliquota è al 3,3 per mille. Per una rendita catastale fino a 300 euro la detrazione è di 170 euro; da 300 a 500 euro è di 140 euro; da 500 a 700 euro è di 100 euro; da 700 a 1.000 euro è di 70 euro; da 1.000 a 1.200 euro è di 30 euro. Prevista anche una detrazione di 25 euro per ogni figlio minore di 26 anni.

A Padova aliquota al 2,7 per mille, ma esenzione fino a 600 euro di rendita catastale. Al di sopra è dovuta l'intera imposta. A Bari l'aliquota è al 3,3 per mille ed è prevista l'esenzione fino a 10.000 euro di Isee (Indicatore della situazione economica equivalente); da 10.000 a 15.000 detrazione fissa di 100 euro.

A Verona aliquota al 2,5 per mille. Per una rendita catastale fino a 350 euro detrazione di 200 euro; da 351 a 600 euro di 100 euro; da 601 a 750 euro di 50 euro. Per una rendita da 751 euro in su non è prevista alcuna detrazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il