BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: riforma novità Legge Stabilità e intenzioni Poletti, Padoan, Damiano, Baretta

Estensione del sistema contributivo per tutti, uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, aumento pensioni minime: cosa conterrà la nuova Legge di Stabilità sulle pensioni?




Cesare Damiano, ministro del Lavoro Poletti e sottosegretario Baretta sono sempre stati in prima fila pronti a cambiare la riforma pensioni Fornero con interventi pensati soprattutto per permettere ai lavoratori di andare in pensione prima senza dover maturare necessariamente quei requisiti richiesti dalle norme attuali e per alcune categorie decisamente rigidi. Le proposte di modifica susseguitesi hanno sempre riguardato sistemi di uscita anticipata, ma a costo zero, cui però non sembra si faccia riferimento in questi giorni decisamente importanti per i lavori del governo che sta per presentare la nuova Legge di Stabilità. Appuntamento per mercoledì primo ottobre.

Ma il silenzio, soprattutto, di Matteo Renzi e del ministro dell’Economia Padoan non lascia ben sperare. Se è vero che andrebbe diminuita la spesa pensionistica, troppo elevata in Italia, e andrebbe concessa maggiore flessibilità in uscita,come richiesto anche dall’ex commissario straordinario Inps Vittorio Conti, è anche vero che, secondo le novità e ultime trapelate, si potrebbe intervenire sulle pensioni magari aumentando gli assegni pensionistici minimi o con altri bonus.

E tra i piani di uscita anticipata quello più accreditato potrebbe essere quello di uscita anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni crescenti, ma sarebbe conveniente anche l’estensione del sistema contributivo per tutti, giacchè si tratterebbe solo di prolungare un sistema già esistente senza dover approvarne uno nuovo, estendendolo però anche agli uomini. Con questo meccanismo non solo si permetterebbe ai lavoratori di andare in pensione prima ma anche allo Stato di mettere da parte nuovi risparmi derivanti dai tagli dagli assegni erogati con calcolo contributivo e non retributivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il