BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge di stabilità: pensioni, riforma tasse, lavoro, scuola, tagli aziende e famiglie oggi, novità e misure ufficiali Renzi

Sulla legge di stabilità l'Unione europea osserva l'Italia con molta attenzione. Secondo indiscrezioni sta facendo pressioni affinché il governo Renzi riveda alcune misure.




Questa è la settimana della legge di stabilità 2014. Il 15 ottobre il governo presenterà le misure con cui cercherà di coniugare stabilità e ripresa economica all'interno di un percorso di riforme. Non sarà semplice perché la crisi attuale ha ristretto gli spazi di manovra. Non solo, ma l'esecutivo deve tenere conto delle indicazioni che arrivano dall'Europa. In queste ore c'è chi racconta di forti pressioni da parte della Commissione europea per la revisione dei provvedimenti inseriti nella ex legge finanziaria. In particolare l'Italia ha spostata dal 2016 al 2017 l'obiettivo del saldo zero al netto del ciclo e delle una tantum.

I buoni propositi sulla scuola ovvero gli investimenti nella riqualificazione degli edifici sono visti con favore da Bruxelles. Appare un po' prematuro parlare di riforma dell'intero settore dell'istruzione poiché quello presentato nelle scorse settimane dal ministro Stefania Giannini è solo un primo programma di intenti.

Decisamente più rilevanti sono le misure sul welfare ovvero su pensioni e lavoro. Sotto il primo punto di vista il governo sembra aver alzato il piede sull'acceleratore. Non solo, ma l'Europa invita a mantenere in vita l'impianto della legge Fornero e spinge anzi verso la riduzione dei costi della previdenza. Più complessa la partita sul versante del lavoro. L'ipotesi del premier Matteo Renzi di destinare in busta paga parte del TFR viene guardata con favore oltre confine purché i tempi di approvazione dell'intero pacchetto del Jobs Act non siano troppo lunghi.

Sul capitolo dei tagli e delle tasse l'Unione Europea continua a essere molto sensibile: da una parte invoca riduzioni sempre più profonde e significative della spesa pubblica, dall'altra invita a diminuire la tassazione: in Italia è fra le più alte del vecchio continente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il