BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu,Tari: inquilini, proprietari chi deve pagare, come codici tributi e quanto casa in affitto. Casi particolari, ecccezioni

In questi giorni occorre fare i conti con la Tasi. La prima rata va pagata entro il 16 ottobre e sono soggetti anche gli inquilini non proprietari.




Ci sono ancora tre giorni di tempo per effettuare calcoli e pagamento della Tasi 2014. Entro il 16 ottobre tutte le operazioni devono essere completate per non pagare sanzioni sulla base del ritardo accumulato. Per conoscere la somma da versare senza fare troppi calcoli manuali o per confrontare il risultato ottenuto, è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online. Non in tutti i comuni occorrerà pagare l'imposta, ma solo in quelli che hanno stabilito aliquote e detrazioni entro il 16 ottobre. I codici tributi per l'abitazione principale e le pertinenze è il 3958; per gli altri fabbricati il 3961.

Occorre far presente come la tassa colpisca anche le prime abitazioni (non soggetti a Imu) così come grava sugli inquilini in affitto: a loro è richiesto il pagamento di una somma variabile fra il 10 e il 30%, ma nulla è dovuto se la somma non raggiunge i 12 euro. Il consiglio è di leggere con attenzione la delibera del comune in cui ricade l'immobile.

Nella fase di pagamento ci sono due soluzioni: il modello F24, da presentare a uno sportello bancario o postale o da inviare via telematica (quest'ultima procedura è obbligatoria nel caso di importi superiori a 1.000 euro) o il più tradizionale bollettino postale.

E in futuro? Nella legge di stabilità è prevista la riunificazione in un unico tributo di Tasi e Imu. Procede il faticoso meccanismo per dare vita alla revisione degli estimi catastali ed è in dirittura d'arrivo il decreto legislativo di attuazione della delega fiscale data al governo. Il testo della delega, che entrerà in vigore il primo novembre, ha subito importanti modifiche nella parte relativa ai criteri per la formazione delle commissioni censuarie, gli organismi che dovranno decidere, a livello provinciale e nazionale, come raccordare i nuovi estimi ai valori di mercato di vendita e locazione degli immobili. Le associazioni dei proprietari hanno ottenuto di poter avere un rappresentante.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il