BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi riforma e Legge di Stabilità ufficiale: no bonus 80 euro, no flessibile e anticipata

Tanti annunci e proposte ma nessun intervento reale e concreto sulla riforma pensioni nella nuova Legge di Stabilità presentata ieri 15 ottobre




AGGIORNAMENTO, Ultime notizie e novità davvero negative per quanto riguarda la riforma delle pensioni di Renzi e del suo Governo. Il tema delle pensioni non stato sfiorato nemmeno nella Legge di Stabilità sia per per aumento assegno che per la questione anticipata e flessibile. Anzi, sono aumentate le tasse sui fondi previdenziali. Tutte le promesse, annunci e dichiarazioni fatte da Poletti, Baretta e in alcuni casi anche dal Premier sembrano davvero stati tutti disattesi, compresi singoli interventi per sistemare alcuni errori come quota 96.

Il ministro del Lavoro Poletti aveva annunciato una soluzione strutturale per le pensioni e la cancellazione per le penalizzazioni previste per chi andasse in pensione prima dei 62 anni, nonché sistemi di uscita anticipata e flessibile da inserire nella nuova Legge di Stabilità. Ma alla vigilia della sua presentazione ufficiale, che avverrà domani, mercoledì 15 ottobre, nulla di quanto annunciato sarà effettivamente presentato.

Nulla su maggiore flessibilità e nemmeno sui paventati aumenti di pensioni minime e assegni sociali, né su altri bonus e no tax area per i pensionati che percepiscono pensioni più basse. E la situazione si complica ancora se si considera che non dovrebbe esserci, secondo quanto annunciato dal ministro dell’Istruzione Giannini, alcun provvedimento nemmeno per il pensionamento dei Quota 96 della scuola. Tutto, dunque, sembra rimandato.

E tutto sfuma, al momento, per la costituzione di una riforma pensioni Renzi che avrebbe potuto modificare le attuali norme pensionistiche che hanno fortemente penalizzato diverse categorie di lavoratori, primi fra tutti precoci, usuranti, insegnanti, esodati. Dopo la nuova Legge di Stabilità, per riuscire ad avere interventi reali sulle pensioni, bisognerà aspettare chissà quanto altro tempo, anche se, a detta di molti, l’esecutivo avrebbe dovuto concentrarsi sulla questione pensioni esattamente come fatto su lavoro e welfare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il