BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, IMU, Tari, IUC: F24, come funziona compilazione e calcolo. Tutti i passaggi, codici tributo ed esempi

Pagare prima rata Tasi 2014 con modello F24: possibile compilazione e pagamento anche direttamente online. Come fare e istruzioni compilazione




Solo due giorni al nuovo termine di pagamento acconto Tasi in oltre 5mila comuni di Italia, tra cui Milano, roma, Firenze, Trieste, Monza, Como, Bari, Lecce, Taranto, Foggia, Palermo, Messina, Catania, Cagliari, Cesena, Pavia, Padova, Perugia, Campobasso, Grosseto, L'Aquila. La prima rata Tasi si può pagare sia con i consueti bollettini postali sia tramite modello F24 ed è corsa al calcolo della nuova tassa sulla casa. Ma per calcolare in maniera semplice e veloce la Tasi si possono usare calcolatori online che permettono conteggio tassa e automatica compilazione del modello F24 per il pagamento.

E’ importante sottolineare che chi decide di pagare con modello F24, dal primo ottobre, per importi superiori ai mille euro si paga solo con modello F24 online attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, della propria banca o di Poste Italiane.

Chi invece paga cifre inferiori ai mille euro, potrà continuare ad usare tranquillamente il modello F24 cartaceo ed anche chi sceglie di pagare con bollettino postale non avrà problemi di cifre di pagamento giacchè il bollettino si può usare per qualsiasi somma da pagare. Tornando al modello F24, per compilarlo in maniera corretta bisogna innanzitutto conoscere i codici tributo Tasi da riportare nell’apposito riquadro e che sono 3958 per l'abitazione principale e pertinenze, 3961 per gli altri fabbricati, 3959 per i fabbricati rurali, 3960 per le aree edificabili.

I codici tributo vanno inseriti nella sezione ‘Sezione Imu e altri Tributi locali’ in corrispondenza delle cifre indicate nella colonna ‘importi a debito versati’; bisogna quindi compilare lo spazio codice ente/codice comune in cui riportare il codice catastale del Comune dove si trova l’immobile; il campo Numero immobili, in cui riportare il numero degli immobili; tipologia di pagamento; barrare la casella ‘Acc’ che sta per acconto; e infine si riporta l’‘Anno di riferimento’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il