BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita iva agevolazioni tasse, detrazioni famiglie, taglio Irap aziende, bonus 80 euro, TFR anticipato Legge Stabilità 2014-2015

Confermato bonus di 80 euro in busta paga, via libera al Tfr in busta paga su base volontaria, detrazioni in arrivo per famiglie e imprese: le misure di rilancio dell’economia della nuova Legge di Stabilità




E’ arrivato ieri, mercoledì 15 ottobre, in serata il via libera dal Consiglio dei Ministri alla nuova Legge Stabilità 2014-2015 Governo Renzi, una manovra da 36 miliardi che prevede misure a sostegno di imprese, famiglie e lavoratori. Ma come funzionano queste novità e misure approvate? Il premier Matteo Renzi ha annunciato che si tratta della “più grande riduzione di tasse mai fatta da un governo, dove 3,8 miliardi derivano dalla lotta all'evasione, un totale che deriva dalla grande battaglia che non si fa attraverso la lotta al cliente che esce dal negozio ma dall'incrocio delle banche dati”. E annuncia l'eliminazione “per sempre della componente lavoro dell'Irap”.

E in riferimento a questa misura Renzi dice: “Caro imprenditore, assumi a tempo indeterminato? Ti tolgo l'articolo 18, i contributi e la componente lavoro dall'Irap. Mamma mia, cosa vuoi di più? Ti tolgo ogni alibi e ti do una grande occasione”, annunciando 1,9 miliardi per gli sgravi alle assunzioni a tempo indeterminato.

Renzi conferma poi che “Nella legge di Stabilità ci sono 100 milioni di euro a garanzia dell'anticipo del trattamento di fine rapporto per chi vorrà averlo in busta paga”, una misura che dunque sarà decisa su base volontaria da parte di ogni lavoratore che potrà scegliere se ricevere o meno il Tfr in busta paga (e anche al 100%) o alla fine della sua vita lavorativa e conferma anche “il bonus 80 euro per cui ci sono 9,5 miliardi. Speravo fossero 10 ma sono comunque la conferma sistematica del bonus alla faccia di tutti quelli che hanno detto che non ce la facciamo”.

Nella nuova Legge di Stabilità sono inoltre previste detrazioni per le famiglie, soprattutto numerose, per cui entro fine anno sarà anche rivisto il pagamento del ticket e novità per quanto riguarda le partite Iva e coloro che aderiscono ai regimi dei minimi nonché per le dichiarazioni Iva, che slitteranno, dal 2016, al mese di febbraio. In particolare, viene eliminato  l’obbligo della dichiarazione unificata e stabilito a febbraio il termine per la presentazione della dichiarazione Iva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il