BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu, Tari: scadenza prorogata per alcuni Comuni. Lista. Multa, sanzioni, ravvedimento per ritardo o se non si è pagato

Il governo fa slittare al 16 dicembre il pagamento della prima rata della Tasi nei comuni coinvolti dalle alluvioni. Oggi è il giorno di scadenza per tutti gli altri.




Giovedì 16 ottobre 2014 è scaduto il termine per pagare l'acconto Tasi nei 5.200 comuni che hanno deliberato le aliquote entro il 18 settembre. Eviteranno le code anche i titolari di immobili nelle 659 amministrazioni che ancora non hanno deciso, questi ultimi verseranno tutto in un'unica soluzione entro il 16 dicembre. Per i cittadini di Genova e dei comuni della provincia che hanno subito danni a causa dell'alluvione, la Tasi è sospesa fino al 31 dicembre 2014. In maniera progressiva il governo sta aggiornandola lista dei comuni coinvolti. Pubblichiamo l'elenco provvisorio alla fine di questo articolo.

Per i ritardatari la sanzione è dello 0,2% se il ritardo è inferiore a due settimane. Abbiamo spiegato il ravvedimento, le multe e le sanzioni per errori o ritardi in questo articolo al seguente link diretto. A pagare è il proprietario di fabbricati e terreni edificabili. Ma anche chi ne ha solo l'usufrutto o l'uso o l'abitazione o il diritto di superficie. La paga per la sua quota l'inquilino, ma anche chi occupa l'immobile abusivamente o l'inquilino moroso. Si paga il 50% del dovuto e il restante 50% si salda il 16 dicembre. Per la prima casa si può arrivare a un'aliquota massima del 3,3 per mille. Per la seconda dell'11,4 per mille se sommata all'Imu. Per effettuare i calcoli è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online.

Entro oggi però si paga solo la Tasi: la percentuale varia da comune a comune e non si versa se l'imposta è inferiore a 12 euro nel suo complesso e non solo nell'acconto. Ma attenzione, i diversi comuni possono abbassare questa asticella. Si può pagare in banca con il modello F24 (ma se l'importo è maggiore di 1.000 euro occorre procedere per via telematica) o da casa per chi ha il conto online, oppure alle Poste con apposito bollettino. Fra i comuni coinvolti in questa fase ci sono anche quelli di Roma, Milano e Firenze, che hanno applicato aliquote e detrazioni differenti.

LIGURIA

Tutti i comuni della provincia di Genova.

VENETO

Provincia di Padova: Monselice, Este, Baone, Arquà Petrarca, Due Carrare, Maserà, Montegrotto Terme, Abano Terme, Padova, Albignasego, Urbana, Megliadino San Vitale, Megliadino San Fidenzio, Ponso, Montagnana, Saletto, Ospedaletto Euganeo, Cinto Euganeo, Galzignano Terme, Piacenza D'Adige, Carceri, Santa Margherita D'Adige, Casale Di Scodosia, Pernumia, Casalserugo, Battaglia Terme, Cartura, Lozzo Atestino, Merlara.

Provincia di Rovigo: Melara, Occhiobello, Fiesso Umbertiano, Stienta, Bergantino.

Provincia di Verona: Bardiolino, Castagnaro, Legnago, Terrazzo, Caprino Veronese, Costermano, Valdadige, San Pietro in Cariano.

PIEMONTE

Provincia di Alessandria: Albera Ligure, Alessandria, Arquata Scrivia, Avolasca, Belforte, Borghetto di Borbera, Bosio, Brignano Frascata, Carrega Ligure, Casaleggio Boiro, Casasco, Cassano Spinola, Cassine, Cassinelle, Castelletto d'Orba, Castelnuovo Scrivia, Cerreto Grue, Costa Vescovato, Francavilla Bisio, Garbagna, Gavazzana, Gavi, Grondona, Lerma, Novi Ligure, Paderna, Parodi Ligure, Pozzolo Formigaro, San Sebastiano Curone, Sarezzano, Sardigliano, Serravalle Scrivia, Stazzano, Tortona, Vignole Borbera, Viguzzolo, Villaromagnano, Villarvernia.

Provincia di Verbania: Valstrona.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Trieste, Muggia (TS).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il