BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita iva agevolazioi con minor tasse, bonus 80 euro, TFR anticipato busta paga: per chi e come funzionano in Legge di Stabilità

Bonus 80 euro per dipendenti, via libera a Tfr in busta paga se il lavoratore lo richiede, sgravi fiscali per imprese e cancellata Irap sul lavoro: cosa prevede la nuova Legge di Stabilità per lavoro ed economia




Confermato bonus da 80 euro per i dipendenti, via libera al Tfr in busta paga a discrezione della scelta del singolo lavoratore, via libera a gravi fiscali per imprese e partite Iva: queste alcune delle misure approvate con la nuova Legge di Stabilità 2014 2015 messa a punto dal governo Renzi e volta a rilanciare consumi ed economia in Italia. Si tratta, come annunciato dal premier Renzi al termine del Consiglio dei Ministri di ieri,  di “una Manovra da 36 miliardi di euro, con 18 miliardi di tasse in meno, rispettando il tetto Ue del 3% ma con 11 miliardi di operazioni extra deficit. In un anno ci sono 18 miliardi di tasse in meno. Si tratta della più grande riduzione di tasse mai fatta da un governo nella storia della Repubblica in un anno, un grandissimo messaggio che va al cuore degli italiani e delle italiane”.

Tra le misure, come annunciato, è stato confermato il bonus di 80 euro per i lavoratori dipendenti che guadagnano fino a 1500 euro (per un costo di 9,5 miliardi), cancellata l'Irap sul lavoro per le imprese, con la possibilità di 800 euro di risparmio per un lavoratore che ne costa 30mila l'anno (costo 5 miliardi), e via libera alla possibilità di ricevere parte del Tfr in busta paga, da giugno 2015, per il lavoratore che lo richiederà.

Previsti anche, come precisato dallo stesso premier Renzi, “800 milioni per le partite Iva che hanno un reddito basso, si tratta di circa 900.000 italiani che avranno uno sgravio fiscale”. Sono stati annunciati poi 500 milioni alle famiglie, 300 alla ricerca e allo sviluppo, ed è inoltre stato prorogato a fine anno il pagamento delle tasse previste per questo mese di ottobre per i Comuni alluvionati, come Genova. Infine, il governo ha confermato l’uso del miliardo e mezzo di risorse disponibili, annunciato da Renzi qualche giorno fa, per sostenere i nuovi ammortizzatori sociali previsti dal Jobs Act.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il