BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi statali ufficiale nel 2015 ad eccezione di forze dell’ordine, polizia, militari Legge di Stabilità Governo Renzi

Confermato blocco stipendi per statali fino a fine 2015 ma ne sono esclusi militari, forse dell’ordine, diplomatici: la misura della nuova Legge di Stabilità




Confermato il blocco del contratto degli statali di un altro anno, fino alla fine del 2015, ad esclusione, come da accordo fra governo e sindacati, di militari e forze dell’ordine; via libera al Tfr in busta se il lavoratore lo vorrà, confermato il bonus degli 80 euro per i dipendenti, nuovi fondi per la ricerca e ammortizzatori sociali,sgravi fiscali imprese, nessun contributo per tre anni per le aziende che assumono a tempo indeterminato: continuano ad emergere novità sulle misure approvate nella nuova Legge di Stabilità che ieri sera ha ricevuto il via libera dal Consiglio dei Ministri.

Rispetto alle misure annunciate, emerge anche un piano partecipate secondo cui gli enti locali entro il 31 marzo 2015 dovranno definire un piano operativo per il taglio delle controllate attraverso accorpamenti, cessioni e contenimento dei costi, prevedendo, se necessario, anche il taglio degli stipendi dei dirigenti. Viene poi confermato l'ecobonus ristrutturazioni del 65%, valido anche per i condomini, e del 50%; e previsto anche l'aumento di 2 miliardi del Fondo sanitario nazionale.

Per quanto riguarda il blocco del contratto degli statali, ne è stato confermato il blocco fino a fine 2015, come già annunciato dal ministro Marianna madia qualche mese fa, ma la misura, come previsto dall’accordo stipulato qualche settimana fa tra esecutivo e sindacati, non riguarderà militari e forze dell’ordine, per cui ne è previsto lo sblocco per l’anno prossimo. In base all’accordo, magistrati, avvocati e procuratori dello Stato, diplomatici, militari e Forze di polizia non saranno toccati dal nuovo blocco degli scatti contrattuali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il