BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: riforma sempre urgente e necessaria per contrastare crisi economica

Si attendevano, ma le aspettative sono state deluse: la nuova Legge di stabilità punta su aumento dei consumi e lavoro ma nulla di fatto su riforma pensioni




Si attendevano, ma le aspettative sono state deluse: la nuova Legge di Stabilità approvata ieri 15 ottobre in Consiglio dei Ministri non ha previsto alcun intervento né modifica all’attuale riforma pensioni. Nulla di fatto su quanto proposto in questi mesi, da uscita anticipata e flessibile, ad aumenti pensioni minime o altri bonus, eppure si sarebbe trattato di cambiamenti importanti, che avrebbero potuto ben contribuire a quel rilancio di consumi ed economia, obbiettivo del governo Renzi.

Approvare piani di uscita anticipata e flessibile avrebbe potuto dare spinta all’occupazione, innescando il meccanismo di turn over tra lavoratori più anziani e giovani in cerca di lavoro, mentre un aumento, seppur minimo come fatto per esempio in Francia, degli assegni mensili più bassi, avrebbe potuto dare nuova spinta ai consumi.

I pensionati italiani, la maggior parte dei quali vive con meno di mille euro al mese e alcuni non arrivano nemmeno a 500 euro, con aumenti nelle loro pensioni avrebbero avuto a disposizione più risorse da ‘spendere’ nella spesa, contribuendo, di conseguenza, a rilanciare i consumi e rimettere in moto l’economia. Ma nulla di tutto questo è stato fatto. Probabilmente, ancora una volta, si è preferito ‘proteggere’ quegli 80 miliardi di euro che la riforma Fornero, nonostante errori in alcune sue parti, è capace di garantire fino al 2021.

A questo si aggiunge che l’unico intervento attuato per la previdenza riguarda una nuova stretta per i fondi pensione. La Legge di Stabilità prevede aggravi sui fondi pensioni tanto che un miliardo e 200 milioni deriveranno proprio dall'aumento della pressione fiscale sui fondi di previdenza complementare e sulle fondazioni bancarie. Tassazione al 26% per le polizze vita, ora esenti dall’Irpef per gli eredi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il