BusinessOnline - Il portale per i decision maker








OS X Yosemite: come usare al meglio nuove nuovi e scaricare e installare versione finale

C'è anche il nuovo sistema operativo per Mac fra le novità del keynote di presentazione di Apple organizzato nella giornata di oggi a Cupertino.




Oggi 16 ottobre 2014 è il giorno dell'OS X Yosemite. Il nuovo sistema operativo per Mac è una delle novità del keynote delle 19 (ora italiana). Approdato alla versione finale, i dispositivi compatibili sono gli iMac, i MacBook Air, i MacBook, i Mac mini, i MacBook Pro, i Mac Pro. Il passaggio dall'OS X 10.9 all'OS X 10.10 Yosemite sarà gratuito.

Quali sono le novità da mettere in conto? iCloud Drive funziona come un qualsiasi cartella in cui trascinarci dentro documenti e organizzarli secondo le proprie esigenze e cercarli con Spotlight. Cambiamenti in vista anche per Safari: la nuova vista Preferiti permette l'accesso rapido ai siti preferiti mentre la vista Tab visualizza in un'unica finestra le miniature delle pagine aperte. A tutela della privacy, ecco le finestre separate di Navigazione Privata e il supporto per DuckDuckGo, il motore di ricerca che non traccia il comportamento sulla Rete. Il nuovo Safari supporta i più recenti standard web, compresi WebGL, SPDY e HTML5 Premium Video Extension.

Con Markup è possibile compilare rapidamente e firmare moduli e anche fare annotazioni su immagini e PDF all'interno di Mail. Mail Drop permette l'invio di video di grandi dimensioni, immagini o file fino a 5 GB dalla applicazione Mail a qualsiasi indirizzo di posta elettronica.

L'obiettivo della società di Cupertino è di integrare al meglio dispositivi fissi e mobile. Ecco allora che quando l'iPhone o l'iPad si trovano vicini al Mac, la funzionalità Handoff consente di iniziare un'attività su un terminale per poi proseguirla su altri. Di più: Instant Hotspot permette di utilizzare il proprio iPhone come punto hotspot per la connessione via Wi-Fi. Sarà anche possibile inviare messaggi SMS o MMS direttamente dal Mac ed effettuare o ricevere chiamate utilizzando il Mac come vivavoce.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il