BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96: novità, ultime e ultimissime notizie oggi lunedì 20 ottobre e questa settimana

Nessuna soluzione per i Quota 96 della scuola in Legge di Stabilità ma si spera in nuovi interventi in prossime discussioni parlamentari




Nessun cambiamento sulla riforma pensioni, come auspicato, e nessuna soluzione nemmeno per il pensionamento dei Quota 96 della scuola nella nuova Legge di Stabilità presentata dal premier Renzi. Ma le speranze sono che nelle prossime discussioni parlamentari possano essere inseriti nuovi interventi per correggere alcuni problemi, anche della legge pensionistica Fornero, proprio come quello che coinvolge i 4mila pensionandi di Quota 96.

Il ministro dell’Istruzione Giannini aveva in realtà già annunciato che nella Legge di stabilità non vi sarebbe stato alcun provvedimento per i docenti della scuola in attesa di pensione da oltre due anni e sembra che l'intenzione del governo sia quella di farli andare lentamente in pensione con i requisiti richiesti dalla Fornero senza nessun intervento, e per questo servirebbe un riconteggio degli interessati.

Secondo i tecnici del servizio bilancio di Montecitorio, l’Inps deve stilare una lista contenente il numero dei 4mila lavoratori che dovrebbero andare in pensione con le vecchie norme pensionistiche, ma il dubbio riguarda proprio questo tetto di 4mila persone e la possibilità di riuscire a contenere in questo numero i pensionandi della scuola. Si tratta comunque di una situazione piuttosto complessa da risolvere per cui si propongono diverse soluzioni, come anche quella annunciata dalla Giannini di un possibile reimpiego degli interessati in mansioni diverse.

La Giannini ha infatti detto: “Un quota 96 nel piano de #labuonascuola può rientrare non andando in pensione, ma entrando nell’organico funzionale per essere destinato a mansioni organizzative, non alla didattica frontale. Non si tratta di esodati appesi al filo della disperazione”. Al momento, però, i 4mila lavoratori della scuola, tra insegnanti e personale Ata sono tornati a lavoro dal primo settembre per un nuovo anno scolastico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il