Blocco stipendi statali, forze dell'ordine, insegnanti, militari, statali 2015: indicazioni negative per tutti da Legge Stabilità

Nuova confusione su sblocco stipendi militari e Forze dell'ordine dopo presentazione nuova Legge di Stabilità: nuove richieste al governo

Blocco stipendi statali, forze dell'


La nuova Legge di Stabilità varata mercoledì sera dal Consiglio dei Ministri, come annunciato dal premier Matteo Renzi, prevede “18 miliardi di tasse in meno” ma anche l’aumento del prelievo fiscale su casse di previdenza, fondi pensione, polizze vita e fondazioni bancarie. Secondo la bozza, 3,6 miliardi di euro di coperture dovranno arrivare dalla tassazione sulle rendite finanziarie.

Sale al 26% anche la tassazione sulle polizze vita e una tassazione alta, non privilegiata, colpirà il Tfr in busta paga dei dipendenti che lo richiedono. Confermati ecobonus al 65% per la riqualificazione energetica delle abitazioni e al 50% per le ristrutturazioni, prorogati al 31 dicembre 2015 ma è ancora confusione sullo sblocco degli stipendi per militari e forze di polizia. Il nuovo caos, dopo l’accordo tra governo e sindacati di qualche settimana fa, deriva dal fatto che alcune bozze riportano che polizia e giudici saranno esclusi dal blocco mentre secondo altri lo sblocco degli stipendi nel 2015 dovrebbe riguardare solo la magistratura.

Il deputato leghista Nicola Molteni ha chiesto al governo di fare “immediata chiarezza sul miliardo di euro per lo sblocco degli stipendi delle forze dell’ordine. Dalle prime bozze della legge di stabilità sembra non ci sia alcun capitolo dedicato a questo scopo. Ci aspettiamo che Renzi e Alfano indichino quanti soldi hanno trovato per le forze dell’ordine e dove sono le coperture. Pretendiamo garanzie a tutela della dignità delle forze dell’ordine, violata da un governo che tra tagli, svuotacarceri e stipendi da fame sta minando integrità e incolumità di agenti e militari”.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il